Nicotera e Joppolo, ad un anno dall’alluvione restano le macerie

L’appello di Gian Maria Lebrino: «Le autorità avrebbero già dovuto avviare la ricostruzione. Inammissibile iniziare la stagione estiva con la distruzione intorno»

L’appello di Gian Maria Lebrino: «Le autorità avrebbero già dovuto avviare la ricostruzione. Inammissibile iniziare la stagione estiva con la distruzione intorno»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È trascorso un anno da quando una violenta alluvione mise in ginocchio Nicotera e Joppolo. Un anno in cui il ritorno alla normalità, per molti, è rimasto una mera speranza. I danni alle strutture pubbliche e private furono ingenti, alcune famiglie dovettero abbandonare le proprie abitazioni rese inagibili dalla violenza della natura

Informazione pubblicitaria

Ma sul fronte della ricostruzione, ricorda oggi Gian Maria Lebrino, segretario provinciale e componente nazionale del Psi, «è stato fatto poco, davvero poco. Infatti, sono sotto gli occhi di tutti le distruzioni e le difficoltà che cittadini e visitatori devono patire. Alcune zone, come il lungo mare di Joppolo, non sono state nemmeno messe in sicurezza. Al danno e ai disagi – evidenzia il giovane politico nicoterese – si aggiunge pure la beffa: la stagione estiva è ormai iniziata ed è inammissibile dover vedere quelle zone ancora ridotte a macerie. Mi auspico e farò pressione affinché le autorità competenti prendano atto della tragica realtà e attuino progetti e finanziamenti per sistemare il tutto. Altresì è importante prevenire, a cominciare dal non far costruire laddove è pericoloso e far costantemente manutenzione. La sicurezza – conclude Lebrino – viene prima di tutto».

LEGGI ANCHEAlluvione a Nicotera e Joppolo, ecco tutti i lavori previsti ed i fondi già disponibili

Alluvione a Nicotera e Joppolo, il Cdm delibera lo stato di emergenza

Alluvione a Nicotera e Joppolo, in volo sui luoghi del disastro (VIDEO)