mercoledì,Novembre 30 2022

Processo Petrol Mafie a Vibo: la Corte d’Appello accoglie la ricusazione del giudice Macrì

Dovrà ora essere individuato un nuovo presidente del Collegio giudicante per portare a termine il processo contro 54 imputati

Processo Petrol Mafie a Vibo: la Corte d’Appello accoglie la ricusazione del giudice Macrì
Il giudice Tiziana Macrì

La Corte d’Appello di Catanzaro ha accolto la richiesta della Dda e dunque non sarà il giudice Tiziana Macrì a presiedere il collegio del Tribunale di Vibo Valentia nel processo Petrolmafie che mira a far luce sugli affari dei clan con il petrolio, ma anche sui condizionamenti sull’ente Provincia di Vibo.
Nell’udienza del 13 dicembre scorso, lo stesso giudice Tiziana Macrì aveva dichiarato di aver già depositato una richiesta di astensione al presidente del Tribunale di Vibo Valentia, Erminio Di Matteo, che quest’ultimo aveva però respinto. In particolare la dottoressa Macrì riteneva Petrolmafie una costola dell’inchiesta Rinascita Scott e, a tal proposito, la Corte di Cassazione si era già espressa certificando il profilo di incompatibilità. In sostanza, quando ricopriva il ruolo di gip distrettuale a Catanzaro aveva disposto dei decreti di intercettazione richiamando nel merito l’associazione mafiosa contestata con l’inchiesta Rinascita-Scott. [Continua in basso]

La Dda, rappresentata dal pm Antonio De Bernardo, aveva ribadito nella richiesta di ricusazione che “la dottoressa Macrì ha espresso un giudizio di gravità indiziaria in ordine all’esistenza delle articolazioni di ‘ndrangheta tra loro collegate operanti nei territori di Limbadi, San Gregorio d’Ippona, Sant’Onofrio e Zungri”. Per i giudici della Corte d’Appello valgono le stesse ragioni che hanno portato all’incompatibilità del giudice Tiziana Macrì nel processo Rinascita Scott. Toccherà ora al presidente del Tribunale di Vibo Di Matteo individuare un nuovo presidente per il Collegio giudicante del processo Petrolmafie. Restano al loro posto, invece, i giudici Roberta Ricotta e Laerte Conti.

Nel processo risultano imputate 54 persone accusate, a vario titolo, di associazione di stampo mafioso, estorsione, riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita in attività economiche, intestazione fittizia di beni, evasione delle imposte e delle accise mediante l’emissione e l’utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, contraffazione utilizzazione di documenti di accompagnamento semplificati. Fra gli imputati anche il presidente della Provincia di Vibo Valentia, Salvatore Solano, accusato dei reati di corruzione, estorsione elettorale e turbata libertà degli incanti, in quest’ultimo caso con l’aggravante mafiosa.

Gli imputati

Antonio D’Amico

Gli imputati del processo sono: Enrica Costa, 1993, Catania; Roberto Aguì, 1971, Bovalino; Nicola Amato, 1975, Catania; Benedetto Avvinto, 1974, Cercola (Na); Anna Bertozzi, 1958, Roma; Anna Buonfante, 1991, Napoli; Vincenzo Campajola, 1965, Napoli; Antonio Angelo Isaia Capria, 1964, Nicotera (dipendente della Provincia di Vibo); Alberto Coppola, 1977, Napoli; Carmine Coppola, 1998, Napoli; Roberta Coppola, 1998, Torre del Greco; Felice D’Agostino, 1982, Bari; Angela D’Amico, 1967, Vibo Valentia (frazione Piscopio); Antonio D’Amico, 1964, di Piscopio; Domenica D’Amico, 1960, Vibo Valentia; Giuseppe D’Amico, 1972, Piscopio; Rosa D’Amico, 1966, Vibo Valentia; Francesco D’Angelo, 1946, alias Ciccio Ammaculata, Piscopio; Gaetano Del Vecchio, 1962, Tropea (dirigente della Provincia di Vibo); Virginia Di Cesare, 1993, Roma; Biagio Esposito, 1984, Napoli; Giuseppe Fasulo, 1962, Taranto; Sebastiano Foti, 1976, Catania; Antonio Francolino, 1965, Vibo (dirigente della Provincia di Vibo); Salvino Frazzetto, 1959, Catania;  Gregorio Giofrè, 1963, San Gregorio D’Ippona; Salvatore Giorgio, 1974, Catanzaro; Gennaro Gravino, 1976, Napoli; Giasone Italiano, 1969, Delianuova; Gabriele La Barbera, 1987, Palermo; Salvatore La Rizza, 1980, Vibo MarinaCesare Nicola Limardo, 1993,  residente a Limbadi (in qualità di titolare della D.I. Lcn Petroli ubicata a Filandari); Paolo Lipari, 1977, di Stefanaconi; Luigi Mancuso, 1954, di Limbadi; Francesco Mancuso, 64 anni, di Limbadi, detto “Tabacco”[Continua in basso]

Francesco Mancuso

Silvana Mancuso, 1969, di Limbadi; Nazzareno Matina, 1971, di Stefanaconi; Giulio Mitidieri, 1952, Marsicovetere (Pz); Francesco Monteleone, 1985, di Vibo Valentia ma residente a Milano; Luciano Morabito, 1958, Africo; Irina Paduret, 1986, Moldavia; Zhelev Petyo Petkov, 1978, Bulgaria; Fabio Pirro, 1978, Napoli; Francesco Saverio Porretta, 1974, Milano; Antonio Prenesti, 1966,  di Nicotera; Rosamaria Pugliese, 1975, di Maierato; Rocco Raccosta, 1955, Oppido Mamertina; Giuseppe Ruccella, 1981, di Filogaso; Fortunato Salamò, 1966, Vibo Valentia; Rosario Cristian Santoro, 1995, Palermo; Emanuela Scevola, 1981, Napoli; Damiano Sciuto, 1989, Catania; Salvatore Solano, 1979, sindaco di Stefanaconi e presidente della Provincia di Vibo Valentia; Francescantonio Tedesco, 1968, di Vibo Valentia (in carcere per l’inchiesta Imponimento, ex consigliere comunale di Vibo); Giuseppe Terranova, 1963, Messina; Domenico Roberto Tirendi, 1986, Napoli; Ernesto Tortora, 1975, Napoli; Roberto Trovato, 1987, Catania; Gennaro Visese, 1977, Napoli.

LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta: inchiesta Petrol Mafie, indagato il presidente della Provincia di Vibo Solano

Articoli correlati

top