mercoledì,Maggio 12 2021

Cambio della guardia al vertice del Gruppo Operativo Calabria

SI è svolta questa mattina presso la sede del Gruppo operativo “Calabria” (Goc) la cerimonia di avvicendamento al vertice dello stesso reparto speciale dei carabinieri tra il tenente colonnello Antonio Bruno e il parigrado Maurizio Biasin.

Cambio della guardia al vertice del Gruppo Operativo Calabria

Alla cerimonia erano presenti, tra gli altri, il comandante interregionale carabinieri “Culqualber”, generale di Corpo d’armata Riccardo Amato, e il comandante della Legione carabinieri “Calabria”, generale di Brigata Andrea Rispoli.

Si è così proceduto al passaggio di consegne tra Bruno, che lascia dopo due anni di onorato servizio in quanto destinato al battaglione del Primo reggimento carabinieri paracadutisti “Tuscania” a Livorno, e Biasin che, oltre a vantare una precedente esperienza calabrese, avendo comandato la compagnia di Locri, ha prestato servizio per lungo tempo presso il “Tuscania” e, successivamente, il Gis (Gruppo di intervento speciale), unità dell’Arma destinata a missioni ad alto rischio.

«Il Goc – si legge in una nota – comprende lo Squadrone carabinieri “Cacciatori”, la Compagnia speciale carabinieri ed il Nucleo cinofili carabinieri. Nel biennio di attività condotte essenzialmente a supporto dell’Arma territoriale e dei reparti speciali in tutte e cinque le province calabresi, il Goc, al comando del tenente colonnello Bruno, ha catturato numerosi latitanti, scoperto vari covi e nascondigli e sequestrato ingenti quantitativi di armi e droga, operando in sinergica intesa con i presidi dell’Arma di tutta la regione. I risultati testimoniano la vocazione spiccatamente operativa del Goc e dei suoi comandanti, in larga parte provenienti dai reparti speciali dell’Arma».

Guarda il servizio di LaC News

top