A Pizzo giovani chef per un’amatriciana solidale

Il collettivo Cooking Soon cucinerà il piatto simbolo di uno dei luoghi più colpiti dal terremoto nell’Italia centrale

Il collettivo Cooking Soon cucinerà il piatto simbolo di uno dei luoghi più colpiti dal terremoto nell’Italia centrale

Informazione pubblicitaria
Una panoramica della Marina di Pizzo

Il team di Cooking Soon, collettivo formato da giovani chef emergenti calabresi, domenica 28 agosto a Pizzo preparerà “live” l’amatriciana, il piatto simbolo di uno dei paesi più danneggiati dal sisma che ha colpito il centro Italia.

«L’iniziativa sostenuta dal Comune di Pizzo e dal Centro per la Valorizzazione dell’Agroalimentare Meridionale – è scritto in un comunicato di Cooking Soon – è rivolta ai tanti turisti e cittadini con il proposito di raccogliere fondi da destinare alla Cri per l’emergenza in corso. Il piatto di pasta all’amatriciana firmato dai giovani chef sarà venduto con un’offerta libera».

Terremoto, mezzi e uomini dei Vigili del fuoco partiti anche da Vibo

E, ancora, «con questo piccolo gesto – affermano i componenti del collettivo – vogliamo esprimere la nostra vicinanza a chi ha perso tutto con ciò che sappiamo fare».

Gli chef Caterina Ceraudo, Luca Abbruzzino, Antonio Biafora, Gennaro Di Pace, Emanuele Lecce, Nino Rossi, Emanuele Strigaro e Bruno Tassone saranno insieme a cucinare per tutti quelli che vorranno dare il proprio contributo.

Terremoto, la Pro loco di Vibo avvia la raccolta di abiti e alimenti

Terremoto, Lo Schiavo: «Dal Comune parta vicinanza alle popolazioni colpite»