‘Ndrangheta: un nuovo pentito fra i ranghi della malavita vibonese – Video

Da qualche settimana avrebbe deciso di “saltare il fosso” aiutando gli inquirenti a capire le ultimissime dinamiche criminali locali
Da qualche settimana avrebbe deciso di “saltare il fosso” aiutando gli inquirenti a capire le ultimissime dinamiche criminali locali
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Ci sarebbe un nuovo collaboratore di giustizia a Vibo Valentia, uno di quelli a conoscenza di molti segreti sulle dinamiche criminali degli ultimi anni nella città capoluogo, e non solo, in grado di spiegare agli investigatori gli affari e soprattutto la riorganizzazione della ‘ndrangheta locale specie dopo le collaborazioni di Andrea Mantella e Raffaele Moscato. La decisione di avviare un percorso di collaborazione con i magistrati della Dda di Catanzaro risalirebbe a qualche settimana fa ed arriverebbe del tutto inaspettata. I familiari del nuovo pentito sarebbero già stati trasferiti in una località protetta e nulla trapela sul contenuto delle dichiarazioni del nuovo pentito. Potrebbe tuttavia esserci il suo contributo dietro il ritrovamento di un vero e proprio arsenale scoperto nelle scorse settimane dai carabinieri e che ha portato in carcere Filippo Di Miceli, 48 anni, di Vibo Valentia ma residente a Piscopio. Armi di una certa consistenza quali una mitragliatrice, sei fucili di vari modelli di cui due a pompa ed uno a canne mozzeun fucile d’assalto Ak 47 kalashnikov, una pistola semiautomatica, un giubbotto antiproiettile, un passamontagna, tre caricatori per pistola, oltre 700 cartucce di vario calibro, quasi ottanta apparecchi d’innesco e polvere da sparo. Nelle vicinanze dell’abitazione, i carabinieri hanno poi rinvenuto un altro mini arsenale con due pistole (una calibro 40 smith&wesson e una semiautomatica), un silenziatore, tre caricatori, svariate cartucce e 250 grammi di marijuana. Le armi, pur ritrovate a Piscopio, non sarebbero in uso al clan dei Piscopisani ma ad una nuova compagine criminale attiva a Vibo Valentia e dintorni, sorta a seguito di una spaccatura all’interno del precedente clan. Il nuovo collaboratore vanta legami parentali di “peso” a Vibo Valentia ed alcuni suoi stretti congiunti sono stati uccisi diversi anni addietro. La decisione di “vuotare il sacco” con gli investigatori potrebbe consentire agli inquirenti di avere chiaro e definito l’intero panorama criminale sulla città di Vibo Valentia e non solo: da Vibo Marina a Piscopio, da Pizzo sino a Sant’Onofrio e dintorni, soprattutto incrociando le sue dichiarazioni con quelle di Andrea Mantella e Raffaele Moscato. Dopo le operazioni “Outset” e “Rimpiazzo”, il blitz al Comune di Vibo ordinato dalla Dda, sulla città di Vibo Valentia potrebbe abbattersi un nuovo “ciclone” giudiziario dalle conseguenze allo stato del tutto imprevedibili.

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Arsenale a Piscopio, resta in carcere il possessore delle armi

Armi e munizioni sequestrate dai carabinieri a Vibo e Piscopio – Video

‘Ndrangheta: il pentito Moscato ed il finanziatore occulto del clan Emanuele

‘Ndrangheta, il pentito Moscato rivela: «I Piscopisani sapevano delle indagini in anteprima» – Video

‘Ndrangheta: il pentito Mantella e l’omicidio “eccellente” di Fortuna – Video

‘Ndrangheta: Mantella e la lupara bianca ai danni di Nicola Lo Bianco

False perizie mediche su Mantella e Scrugli: chiesto il processo per 14 imputati

‘Ndrangheta e politica: il collaboratore Mantella accusa Pietro Giamborino