Carattere

Alla base dell’inchiesta, anche le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Andrea Mantella. Luce sui delitti Franzoni e Pugliese Carchedi

Cronaca

E’ in corso dalle prime luci dell’alba un’operazione della polizia, coordinata dalla Dda di Catanzaro, per l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di alcuni soggetti di Vibo e del Vibonese emessa dal gip distrettuale. Fra le accuse, anche quella di omicidio. L'operazione è stata denominata "Outset", che in italiano vuol dire "Inizio". 

In particolare, grazie alle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Andrea Mantella, viene  fatto luce sugli omicidi di Mario Franzoni e di Giuseppe Pugliese Carchedi, quest’ultimo ucciso all’età di 26 anni il 17 agosto del 2006 lungo la strada che collega Vibo Marina a Pizzo Calabro. Importanti anche le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Raffaele Moscato di Vibo Marina e Giuseppe Giampà di Lamezia. 

Gli arrestati - in totale 8 su 17 indagati - sono: Salvatore Mantella (cugino di Andrea) e Nazzareno Mantella, entrambi di Vibo Valentia, Michele Fiorillo, alias "Zarrillo", 31 anni, di Piscopio (in foto già detenuto perchè condannato nell'operazione "Crimine"); Rosario Fiorillo, alias "Pulcino", 28 anni, di Piscopio (detenuto per l'omicidio del boss di Stefanaconi Fortunato Patania) e Nazzareno Felice, 57 anni, pure lui di Piscopio e accusato dell'omicidio di Pugliese Carchedi; Rosario Primo Mantino (cl. '75) di Vibo Marina. Enzo Giampà (cl. '70) di Lamezia Terme, il quale avrebbe guidato la moto con a bordo Domenico Giampà

‘Ndrangheta: Andrea Mantella e gli omicidi a Vibo affidati ai lametini

Il delitto di Mario Franzoni. Per l'omicidio di Mario Franzoni, 29 anni, commesso a Porto Salvo il 21 agosto del 2002, è stato arrestato l'imprenditore Franco Barba, 55 anni, di Vibo Valentia. La vittima si trovava a bordo di uno scooter. Viveva da tempo a Mariano Comense. Stessa accusa per Salvatore Mantella. Coinvolto nell'omicidio pure Nazzareno Mantella. L'omicidio - secondo Andrea Mantella - è stato commesso materialmente da due esponenti del clan Giampà di Lamezia in uno scambio di favori con i vibonesi.

Oltre alle dichiarazioni di Andrea Mantella, alla base delle accuse pure alcune intercettazioni ambientali captate in auto fra l'imprenditore di Vibo, Francesco Michelino Patania, ed il figlio. Franco Barba (in foto) viene indicato come il mandante del fatto di sangue. Salvatore Mantella avrebbe invece curato la logistica dell'omicidio. Per Franco Barba - destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere - è stato disposto il ricovero in ospedale. Al momento dell'arresto è stato infatti colto da malore. Si trova in questo momento piantonato in ospedale a Vibo. Indagati anche i vibonesi Paolino Lo Bianco, 53 anni, esponente apicale dell'omonimo clan di Vibo Valentia ed Enzo Barba, 65 anni, detto "Il Musichiere", al vertice dell'omonima "famiglia" di Vibo Valentia da sempre alleata ai Lo Bianco. 

Operazione della Dda nel Vibonese, otto arresti e 17 indagati 

L’omicidio di Pugliese Carchedi e il ferimento di Macrì. Giuseppe Pugliese Carchedi (in foto) è stato ucciso con alcuni colpi di pistola sparati da distanza ravvicinata mentre si trovava a bordo della sua Lancia Y. Il giovane si era lasciato all’epoca da poche settimane il carcere alle spalle, dove stava scontando una condanna a 13 anni di reclusione per estorsione e danneggiamento. Rimesso in libertà, era soggetto ad alcune prescrizioni impostegli dall'autorità giudiziaria. Era rimasto vittima di un tentato omicidio già negli anni precedenti. Nell'agguato costato la vita a Pugliese Carchedi, rimase ferito Francesco Macrì, di Vibo Valentia. 

GALLERY | Operazione “Outset”, le foto degli arrestati

Nell'ottobre del 2005 Giuseppe Pugliese Carchedi era stato condannato a 13 anni di reclusione per i reati di associazione per delinquere finalizzata alle estorsioni, usura, detenzione illegale di armi e spaccio di stupefacenti. Arrestato con altre nove persone e condannato al termine del processo con rito abbreviato, era stato detenuto fino a luglio del 2006, quando era stato rimesso in libertà.

In precedenza era stato arrestato anche per concorso morale nell'omicidio di Grazia Zaccaria e nel ferimento del figlio Michele Lo Bianco. Fatto di sangue avvenuto a Vibo Valentia, nei pressi della scuola di polizia, nel settembre del 2001. Nel processo di primo grado, però, Pugliese Carchedi era stato assolto. 

Nell’agguato mortale del 2006 Pugliese Carchedi aveva cercato di fuggire ma la sua automobile era stata più volte speronata e raggiunta da colpi d'arma da fuoco. Il giovane era stato poi raggiunto dai killer ed ucciso. Nell'agguato erano stati sparati almeno una decina di colpi d'arma da fuoco di diverso calibro. Secondo l'accusa, Giuseppe Pugliese Carchedi avrebbe insidiato la figlia di Nazzareno Felice, benchè fidanzato all'epoca con la figlia di Enzo Barba, detto "Il Musichiere", di Vibo Valentia. Da qui la decisione di eliminarlo. 

Oltre agli arrestati risultano indagati a piede libero Giuseppe Raffaele Barba (cl. '68) di Vibo Valentia, alias "Pino presa"; Domenico Chirico (cl. '82) di Lamezia Terme, attualmente detenuto per altro reato; Giuseppe Salvatore Galati (cl. '64) di Piscopio; Gregorio Gasparro (cl. '71) di San Gregorio d'Ippona; Domenico Giampà (cl. '81), attuale collaboratore di giustizia, esecutore materiale dell'omicidio di Mario Franzoni;  Pasquale Giampà (cl. '64) di Lamezia terme (collaboratore di giustizia). 

LEGGI ANCHE:

GALLERY | Operazione “Outset”, le foto degli arrestati

‘Ndrangheta: Andrea Mantella e gli omicidi a Vibo affidati ai lametini

‘Ndrangheta: Andrea Mantella e gli omicidi fra il Vibonese e Lamezia

‘Ndrangheta: i Bonavota volevano ammazzare Andrea Mantella

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook