Provincia Vibo: lavoratori senza stipendio, continua la protesta (VIDEO)

Stato di agitazione e incontro stamane alla cittadella regionale di Catanzaro. Dipendenti e sindacati chiamano in causa la politica

Stato di agitazione e incontro stamane alla cittadella regionale di Catanzaro. Dipendenti e sindacati chiamano in causa la politica

Informazione pubblicitaria

Va avanti lo stato di agitazione dei dipendenti della Provincia di Vibo Valentia, in attesa dello stipendio da cinque mesi. Una Provincia al collasso con problemi che si ripercuotono su lavoratori e cittadini. Per questo i dipendenti dell’ente, in dissesto finanziario, hanno chiesto un incontro alla cittadella regionale a Catanzaro con il governatore Mario Oliverio.

A riceverli è stata Carmen Barbalace, vice capo di gabinetto del presidente. “Abbiamo chiesto una presa di posizione politica per varare un decreto salva Vibo – sostiene Carmine Armellino, Rsu Cgil – da inserire nella finanziaria 2018. Abbiamo chiesto inoltre che la nostra situazione sia inserita tra i punti all’ordine del giorno del prossimo Consiglio regionale del 28 settembre e che sia istituito un tavolo tecnico per il riordino delle autonomie locali e quindi delle competenze”.

Proprio ieri il presidente dell’Upi regionale e presidente della Provincia di Catanzaro, Enzo Bruno, ha portato la “questione Calabria”, e quindi le difficoltà della provincia vibonese, sui tavoli nazionali. Bruno ha infatti partecipato all’incontro tra l’Unione delle province italiane e i rappresentanti del Governo ma i fondi destinati agli enti intemedi, 72 milioni di euro, non bastano. I dipendenti dell’ente vibonese, affiancati da Bruno Talarico segretario Fp Cgil Vibo e Luigi Tallarico segretario Fp Cisl Catanzaro Crotone e Vibo, si augurano che all’incontro odierno ci sia ora un seguito e che la politica faccia la sua parte “altrimenti – concludono i lavoratori – la Provincia di Vibo è destinata a morire e noi coi lei”.