Carattere

Deposito incontrollato di rifiuti il reato per il quale i carabinieri del Nucleo Ambiente della Procura hanno deferito il primo cittadino

Cronaca

Sequestrate quattro vasche del depuratore di Santa Maria di Ricadi e sindaco deferita alla Procura di Vibo. Questi i risvolti di un’operazione di controllo dei depuratori avviata dal pm della Procura di Vibo Valentia, Claudia Colucci, e dal Nucleo Ambiente della polizia giudiziaria. In particolare, i sigilli sono stati apposti a quattro vasche contenenti circa 50 metri cubi di fanghi essiccati e non smaltiti e derivanti da processo di depurazione. In alcuni cassonetti all’ingresso dell’impianto sono stati inoltre trovati dei rifiuti solidi non smaltiti e anche i cassonetti sono stati sequestrati.

Secondo i rilievi dei carabinieri, ciò che molti cittadini e turisti paventavano da anni, sembrerebbe corrispondere al vero. Vale a dire il mancato smaltimento dei rifiuti da almeno due anni da parte delle ditte incaricate. Con le piogge i rifiuti essiccati invadevano i terreni circostanti senza alcuna separazione fra la parte depurata e quella nociva.

Il sindaco Giulia Russo è stata deferita dai carabinieri alla Procura di Vibo Valentia per il reato di deposito incontrollato di rifiuti. Quale custode del sito è stato nominato il responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune Vincenzo Calzona.

Le indagini puntano anche ad accertare l’inquinamento del suolo e delle acque atteso che le quattro vasche sequestrate sono state realizzate in cemento armato e risultano prive di copertura. L’impianto è inoltre del tutto privo della videosorveglianza. Nei prossimi giorni l’Arpacal effettuerà delle verifiche sul flusso di uscita delle acque con appositi prelievi se per stabilire se i parametri sono nella norma.

LEGGI ANCHE:

Santa Maria di Ricadi: di nuovo rotta la condotta dei reflui del depuratore, tombino in tilt (VIDEO)

Capo Vaticano: la condotta di scarico delle acque reflue torna a “galla” a S. Maria di Ricadi

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook