Detenzione di esplosivo e botti per 350 chili, arresto convalidato

La decisione del giudice per il giovane di Parghelia destinatario anche di un provvedimento di sequestro di volatili esotici

La decisione del giudice per il giovane di Parghelia destinatario anche di un provvedimento di sequestro di volatili esotici

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Resta agli arresti domiciliari Marcello Gasparro, 34 anni, originario di Cessaniti ma domiciliato a Parghelia, arrestato giovedì con l’accusa di detenzione di 350 chilogrammi di fuochi pirotecnici, oltre a due valigette di centraline per l’esplosione a distanza, unitamente ad un passamontagna e due pistole a salve. 

Informazione pubblicitaria

Il giudice del Tribunale di Vibo Valentia, Graziamaria Monaco, ha infatti convalidato l’arresto dei carabinieri della Compagnia di Tropea. L’ufficio di Procura in sede di convalida aveva chiesto il carcere. Marcello Gasparro è difeso dagli avvocati Carmine Pandullo e Mario Bagnato che sono riusciti a far dissequestrare la somma di 1.100 euro dimostrando come la stessa fosse frutto della vendita di generi alimentari e non derivante invece dalla vendita dei fuochi d’artificio. 

Il materiale esplosivo rinvenuto era in pessimo stato di conservazione. Per quanto riguarda invece il sequestro di diversi volatili di origine esotica in un terreno di proprietà di Gasparro, i difensori hanno preannunciato ricorso al Tribunale del Riesame. 

LEGGI ANCHE: 

Specie protette tenute in pessime condizioni, sequestrati volatili a Parghelia

Nascondeva 350 chili di botti illegali in un magazzino, un arresto a Parghelia (VIDEO)