mercoledì,Luglio 28 2021

Operazione Apate: un annullamento con rinvio in Cassazione

In relazione ad un capo d’accusa dovrà nuovamente pronunciarsi il Tribunale del Riesame

Operazione Apate: un annullamento con rinvio in Cassazione

Annullata con rinvio dalla Cassazione l’ordinanza relativa ad un capo d’accusa (ricettazione) mosso nei confronti di Francesco Campennì, 47 anni, di Nicotera, tratto in arresto nell’ambito dell’operazione denominata Apate della Procura di Vibo che mira a far luce su una serie di furti lungo la costa vibonese nelle abitazioni e sul riciclaggio di autovetture. Francesco Campennì – difeso dagli avvocati Guido Contestabile e Pietro Antonio Corsaro – era stato scarcerato dal Tdl sia per il capo associativo che per un’altra contestazione di riciclaggio, ma era rimasta in piedi la misura alternativa dell’obbligo di presentazione quotidiana alla polizia giudiziaria. La difesa, a seguito del mantenimento della residua contestazione, ha quindi proposto ricorso in Cassazione che ha quindi ora annullato con rinvio disponendo una nuova trattazione davanti al Tribunale del Riesame.

LEGGI ANCHE: Operazione Apate: la Procura di Vibo chiede 26 rinvii a giudizio

Furti e ricettazione di auto nel Vibonese, due le decisioni del Riesame

Furti fra Ricadi e Tropea, lascia il carcere Paparatto

top