Maierato, rinnovate le cariche della Confraternita della Provvidenza

Confermato priore anche per il prossimo triennio Nicola Monteleone. Nel segno della continuità anche il resto del consiglio direttivo

Confermato priore anche per il prossimo triennio Nicola Monteleone. Nel segno della continuità anche il resto del consiglio direttivo

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

La Confraternita di Maria Santissima della provvidenza di Maierato ha rinnovato i suoi organismi. L’assemblea elettiva, presieduta dal delegato del vescovo Domenico Colelli, ha proceduto al rinnovo delle cariche statutarie con l’elezione dei cinque componenti del consiglio direttivo e dei tre revisori dei conti. Nei giorni seguenti, il nuovo direttivo si è riunito per eleggere, al suo interno, il priore, il primo e secondo assistente e, tra gli iscritti congregati, il cassiere, il segretario ed il responsabile della formazione dei nuovi iscritti. Il nuovo direttivo si è insediato dopo l’avvenuta conferma delle elezioni da parte della curia vescovile. Una conferma per il priore: sarà ancora Nicola Monteleone. Gli altri sono: Nicola Cirillo (primo assistente), Rocco Moschella (secondo assistente), Giuseppina Monteleone e Pietro Curigliano consiglieri; Domenico Costa (cassiere), Piero Costa (segretario), Agostino Griffo (responsabile formazione nuovi iscritti), Clorinda Burello, Gaetano Vinci e Edoardo Serrao (revisori dei conti). 

Informazione pubblicitaria

I numerosi confratelli che hanno partecipato al voto (79 votanti) hanno rinnovato la fiducia al consiglio direttivo ed ai revisori dei conti uscenti, con un’unica novità, l’inserimento di Giuseppina Monteleone, già attiva in altri gruppi parrocchiali. Priore, come detto, è stato riconfermato Nicola Monteleone, il più votato dall’assemblea con 70 preferenze. Il 20 maggio 2006 la Confraternita ha ottenuto l’iscrizione alla Confederazione delle Confraternite delle diocesi d’Italia. Oggi la è attiva e partecipa, anche con l’Abito e le Insegne Confraternali, alle celebrazioni, agli incontri, ai momenti di preghiera della vita propria, di quella parrocchiale, diocesana e regionale.