L’Expo sbarca nel Vibonese al “Sapere di Cipolla”

E’ un elemento povero della tradizione contadina, ma nel tempo è diventato un vero e proprio attrattore, sia dal punto di vista commerciale che in termini di curiosità e attenzione per la Costa degli dei.

0
3

E’ un elemento povero della tradizione contadina, ma nel tempo è diventato un vero e proprio attrattore, sia dal punto di vista commerciale che in termini di curiosità e attenzione per la Costa degli dei.

Informazione pubblicitaria

Si tratta della cipolla rossa di Tropea, protagonista del progetto “Sapere di Cipolla”, presentato stamane a Lamezia Terme. Un’iniziativa inserita in un contenitore più ampio, quello di Expo e Territori, fortemente voluto dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, con il coinvolgimento di 19 regioni italiane. Nel caso del progetto nostrano, ad essere coinvolti sono la Regione Calabria, Unioncamere Calabria, il ministero dei Beni e delle attività culturali e i Comuni di Pizzo, Ricadi e Tropea.

Informazione pubblicitaria

Uno degli obiettivi dell’iniziativa, ha spiegato il consigliere regionale Michele Mirabello, è quello di catalizzare l’attenzione sui nostri territori in periodi di bassa stagione turistica. Territori come Tropea che, ha osservato il sindaco della cittadina Giuseppe Rodolico, hanno storia e tradizioni da proporre, bene al di là della sola stagione balneare. Concorde anche Cristina Mazzei, assessore alla Cultura del comune napitino, che ha sottolineato come la contro medaglia dell’iniziativa sia proprio il fatto di far visitare i siti del territorio. Un territorio quello di Pizzo che dal punto di vista turistico viaggia con il vento in poppa. Basti pensare che, ha ricordato Mazzei, la chiesetta di Piedigrotta è il sito più visitato dopo il Museo nazionale di Reggio Calabria, sito che ospita i Bronzi di Riace.

“Sapere di Cipolla” si snoderà dal 2 al 4 ottobre e coinvolgerà Pizzo, Ricadi, Tropea e Vibo. Cittadine che, come ha fatto notare il segretario regionale ai Beni e alle attività culturali e del turismo in Calabria Salvatore Patania, trasformeranno i loro siti e musei in luoghi aperti e accoglienti. Il 2 ottobre ad inaugurare la manifestazione sarà Pizzo dove l’attrice e scrittrice Marisa Laurito e la giornalista Marzia Roncacci, insieme allo chef Alessandro Circiello racconteranno nello spazio espositivo dell’ex Tonnara le eccellenze enogastronomiche della zona.

Il 3 ottobre toccherà a Ricadi con la mostra “Sapere di Cipolla – la cipolla rossa di Tropea Calabria – Igp storia, cultura e coltura”. Un viaggio, fotografico e non solo, ospitato nell’ex stazione ferroviaria per ricordare i treni merci che esportavano la cipolla e per riviverne insieme anche l’aspetto etno-antropologico. Sabato 3 ottobre anche Tropea si animerà in nome della “sua” cipolla, ospitando al Rocca Nettuno lo show cooking già svolto a Pizzo, con i medesimi personaggi. Infine, domenica 4 ottobre sarà il turno di Vibo Valentia il cui castello Normanno Svevo sarà animato da mattina a sera da spettacoli teatrali, mostre archeologiche, concerti e degustazioni. Alla presentazione dell’evento hanno preso parte anche il segretario generale Unioncamere Calabria Maurizio Ferrara e Vincenzo Calzona per il museo civico di Ricadi.