martedì,Giugno 25 2024

“L’Omaggio a Maria Callas” al Complesso architettonico di San Domenico di Soriano

Sul palcoscenico il soprano di fama internazionale Barbara Frittoli accompagnata dall’Orchestra Filarmonica della Calabria diretta dal Maestro Filippo Arlìa e dal Coro Lirico Siciliano

“L’Omaggio a Maria Callas” al Complesso architettonico di San Domenico di Soriano

Nell’anno del centenario della Divina Maria Callas il Polo Museale di Soriano Calabro non poteva essere da meno nel solco dei grandi festeggiamenti che si stanno svolgendo in tutto il mondo per ricordarla come si deve. E nel Complesso architettonico di San Domenico tutto è pronto per lo straordinario evento di lunedì 21 agosto che vedrà sul palcoscenico il soprano di fama internazionale Barbara Frittoli accompagnata dall’Orchestra Filarmonica della Calabria diretta dal Maestro Filippo Arlìa (che il 2 Settembre dirigerà Andrea Bocelli a Taormina) e dal Coro Lirico Siciliano.
Uno spettacolo come si diceva dedicato all’indimenticabile soprano greco Maria Callas, in occasione delle celebrazioni del centenario della nascita, che ricostruisce le fasi salienti della sua carriera attraverso l’esecuzione di alcune delle arie più famose da lei cantate e interpretate dal famoso soprano dalla tecnica ferrea, bellezza scenica generosa, un carattere simpaticamente vivace e il segno particolare di un canto da sempre apprezzato per la sua morbida dolcezza. Barbara Frittoli da trent’anni in vetta nei maggiori palcoscenici del mondo a partire dal debutto al Comunale di Firenze avvenuto nel 1989 interpretando Ines nel Trovatore con Luciano Pavarotti, sotto la bacchetta di Zubin Mehta. Quindi, da lì il gran salto sulle assi di maggior prestigio in Italia e all’estero, fra Scala di Milano, Regio di Torino, Fenice di Venezia, San Carlo di Napoli e Metropolitan di New York, Royal Opera House e Covent Garden di Londra, Opéra di Parigi, Staatsoper di Vienna, Liceu di Barcellona, San Francisco e Washington National Opera. E ancora, Festival di Edimburgo, di Glyndebourne e di Salisburgo, con direttori fra i massimi del nostro tempo quali Muti, Mackerras, Levine, Maazel, Davis, Chailly, Oren, Gavazzeni, Barenboim, Conlon e molti altri ancora. Tanti e diversi i suoi ruoli, da Mozart a Bellini, Rossini, Verdi, Puccini, Cilea, Leoncavallo, Gounod, Offenbach, Bizet, ma in cima e memorabile resta la sua Desdemona in apertura di stagione scaligera per l’Otello di Verdi accanto a Placido Domingo e poi a Parigi al fianco di Jonas Kaufmann.

LEGGI ANCHE: Alla fattoria didattica “Junceum” di Vibo Valentia, una serata dedicata alle donne

Al via a Mileto la rassegna musicale “Ricordando De André”

Nicotera, tutto pronto per l’esibizione del chitarrista vibonese Enrico Damiano Vallone

Articoli correlati

top