domenica,Maggio 28 2023

Caro bollette, nel Vibonese +108% per luce e +57% per gas in un anno

In media una famiglia nel 2022 ha dovuto sborsare oltre 2.600 euro per far fronte alle spese: molto di più rispetto all'anno precedente

Caro bollette, nel Vibonese +108% per luce e +57% per gas in un anno

Secondo l’analisi di Facile.it, guardando ai consumi energetici del 2022, le famiglie residenti in provincia di Vibo Valentia hanno speso, in media, 1.397 euro per la bolletta elettrica (+108% rispetto al 2021) e 1.224 euro per il gas (+57%). La provincia risulta essere la seconda della Calabria dove si è speso meno per l’elettricità.
Complessivamente, tra luce e gas, lo scorso anno i calabresi hanno sborsato, mediamente, 2.749 euro a famiglia (rispetto ai 1.520 euro del 2021): ossia 1.462 euro per l’elettricità e 1.286 euro per il gas. In cima, tra le province dove si è speso di più sulla sola energia elettrica, c’è Crotone, area dove il consumo medio a famiglia rilevato è stato pari a 3.535 kWh che, considerando le tariffe dello scorso anno in regime di tutela, corrisponde ad un costo di 1.722 euro; segue Reggio (1.600 euro, 3.284 kWh). Valori inferiori alla media regionale per Catanzaro (1.404 euro, 2.882 kWh) e, a brevissima distanza, Vibo (1.397 euro, 2.867 kWh). Chiude la classifica Cosenza, provincia che, nel 2022, ha rilevato i consumi più bassi della regione (2.744 kWh) e quindi la bolletta più “leggera” (1.337 euro).
Anche sul fronte del gas le bollette sono differenziate a seconda dei consumi medi rilevati. Dall’analisi di Facile.it emerge che, anche nel caso del gas, i residenti a Crotone sono i meno fortunati dal momento che, lo scorso anno, hanno pagato il conto più salato: mediamente, 1.510 euro a fronte di un consumo di 1.181 smc. Segue, a breve distanza, Cosenza (1.503 euro, 1.175 smc). Continuando a scorrere la classifica calabrese si posizionano Vibo (1.224 euro, 957 smc) e Catanzaro (1.186 euro, 927 smc). Chiude Reggio dove sono stati messi a budget per il gas 825 euro (645 smc).

LEGGI ANCHE: A Vibo lavora il 31% dei giovani: gli impietosi dati dell’ultima provincia in Italia per tasso di occupazione

Articoli correlati

top