Porto di Vibo Marina, da giugno ripartono i collegamenti in aliscafo da e verso le Isole Eolie

La Pro loco esorta a potenziare l’asse trasportistico con l’aeroporto di Lamezia Terme e a migliorare i servizi in loco per attrarre un maggior numero di visitatori e turisti. Ecco tutte le date e gli orari degli imbarchi

0
2

La Pro loco esorta a potenziare l’asse trasportistico con l’aeroporto di Lamezia Terme e a migliorare i servizi in loco per attrarre un maggior numero di visitatori e turisti. Ecco tutte le date e gli orari degli imbarchi

L'aliscafo "Eraclide" in un attracco della scorsa stagione
Informazione pubblicitaria

Riprenderanno nella prossima estate i regolari collegamenti veloci con aliscafi tra il porto di Vibo Marina e quello siciliano di Milazzo, con fermate intermedie in tutte le Isole Eolie per cittadini e turisti. Come lo scorso anno, sarà la Liberty Lines ad effettuare il collegamento inserendo nell’orario estivo due corse settimanali che saranno effettuate nei giorni di giovedì e domenica, dal 22 giugno fino al 14 settembre.

Informazione pubblicitaria

Si parte dal porto di Milazzo alle ore 8, quindi le fermate a Vulcano (ore 8.55), Lipari (9.15), Saline (9.45), Panarea (10.20), Stromboli (11) e arrivo al porto di Vibo Marina alle 12.30.

Sulla rotta inversa la partenza dal porto di Vibo Marina è prevista per le ore 16, quindi le fermate a Stromboli (alle ore 17.25), Panarea (18), Saline (18.40), Lipari (19.15), Vulcano (19.35) e infine Milazzo (20.35). Il riferimento per il porto di Vibo Marina è l’Agenzia Marittima Gottellini-Cantafio.

Aliscafo tra Lipari e Vibo Marina, la Pro loco: «Opportunità di rilancio»

Un collegamento, quello con l’arcipelago eoliano, che come ricorda la Pro loco di Vibo Marina, «rientra nel piano dei trasporti della Regione Sicilia ed è stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Lipari; dopo l’esperienza positiva dello scorso anno, da più parti si è auspicato un potenziamento del servizio con due corse giornaliere (mattina e pomeriggio) possibilmente sin da questa estate».

Per l’associazione, poi, «questa linea veloce contribuisce a rafforzare i forti legami già esistenti tra le due comunità da sempre unite per amicizia, cultura, commercio, turismo “sin dai tempi dell’ossidiana”; diviene utile a cittadini, viaggiatori, turisti nazionali ed internazionali che vogliano portarsi dall’Italia o dall’Europa alle Eolie partendo dal più vicino porto di Vibo Marina oppure che desiderano dalla Sicilia o dall’arcipelago eoliano scoprire la Calabria o riportarsi sul continente sbarcando nel porto di Vibo Marina».

Punto forte nell’asse trasportistico è indubbiamente la «vicinanza con l’aeroporto di Lamezia Terme «ove giungono vettori di linea e sempre più voli charter dall’Italia e da tutta Europa specie in estate con turisti che vogliono scoprire la Calabria, il Sud, le Eolie». A questo si aggiungano i collegamenti tra i due scali favoriti, oltre che su gomma, anche da diverse corse di treni e, lo scorso anno, dalla navetta bus porto-aeroporto delle Ferrovie della Calabriaera organizzata su interessamento del Sindaco di Vibo.

Collegamenti Vibo Marina-Eolie, l’asse si estende fino all’aeroporto di Lamezia Terme

«Ci sono quindi – per la Pro loco – tutti i presupposti perché la politica e le amministrazioni interessate (enti locali, Regione, ministeri), ben comprendendo le opportunità che si aprono, compiano con solerzia ogni iniziativa necessaria nelle sedi più opportune per pubblicizzare l’itinerario Lamezia Terme-Vibo Marina-Eolie (presso compagnie aeree e di navigazione, Sacal e servizi portuali, fiere e borse del turismo, travel broker, agenzie viaggi, ecc.), perché si compia una seria sinergica cooperazione tra le due infrastrutture utile allo sviluppo regionale, che ci si impegni nel valorizzare maggiormente l’Aeroporto di Lamezia Terme ed il porto di Vibo Marina come scali al servizio, oltre che per la Calabria, anche per le vicine Eolie.

Diviene quindi importante per l’associazione di Vibo Marina che anche il porto migliori la sua funzionalità «realizzando due semplici ma importanti “respingenti” per l’attracco aliscafi possibilmente nella banchina Fiume più vicina al centro; un punto di sosta coperto nel porto per tutti i passeggeri (caldo-pioggia); la sede dei servizi turistici Apt Provincia/Regione progettata e finanziata la cui realizzazione ha forti ritardi burocratici».

Le Eolie saranno più vicine. Vibo Marina, invece, resta ancora al palo

Non per ultimo, «è necessario ed opportuno continuare a migliorare l’accoglienza in Vibo Marina, un singolare paese-porto ancora dalle tante potenzialità; se opportunamente curato al bello ed al pulito, potrà meglio intercettare il flusso turistico in arrivo-partenza dalle Eolie, per una breve sosta o un soggiorno prolungato; offrire – si aggiunge – i tanti servizi di ospitalità esistenti: dalla balneazione alle escursioni marine, dai ristoranti a tipica cucina marinara alle pizzerie e pub, dai confortevoli alberghi del porto ai numerosi B&B, dai caratteristici caffè ai tanti negozi per lo shopping; dalla visita al momento solo esterna della Tonnara e del castello di Bivona – ancora in attesa di fruizione dopo tante energie spese – ad una tranquilla passeggiata sul lungomare che da sempre dà emozioni e benessere».