Fondi alla Provincia, i lavoratori smorzano gli entusiasmi: «Aspettiamo l’accredito»

Ravvisati potenziali “ostacoli” da parte della Tesoreria che potrebbero dilazionare i tempi se non addirittura bloccare i pagamenti. «Il rischio è che i creditori ci prendano d’assalto» aggiungono

Ravvisati potenziali “ostacoli” da parte della Tesoreria che potrebbero dilazionare i tempi se non addirittura bloccare i pagamenti. «Il rischio è che i creditori ci prendano d’assalto» aggiungono

Informazione pubblicitaria

«Confermiamo l’arrivo dei fondi dal ministero ed abbiamo anche la conferma, da un incontro intercorso tra noi, il presidente Andrea Niglia ed il segretario Cesare Pelaia, che gli uffici preposti stanno predisponendo gli atti per tre mensilità. E’ importante, però, precisare che l’accreditamento degli stipendi dipenderà soprattutto dall’atteggiamento della Tesoreria Monte dei Paschi di Siena».

È quanto fanno sapere i lavoratori della Provincia di Vibo Valentia a seguito della notizia diffusa dallo stesso presidente Niglia dello stanziamento di oltre 1,2 milioni di euro da parte del ministero dell’Interno per fra fronte alle tre mensilità arretrate.

Provincia Vibo, dal ministero arrivano 1,2 milioni di euro per gli stipendi

I lavoratori aggiungono che «se ci sarà un atteggiamento di massima collaborazione e comprensione potremmo ottenere tre stipendi, se la disponibilità fosse limitata dal problema dell’accantonamento dei fondi per i mutui in scadenza a giugno, potremmo ottenere l’accredito di due o forse una sola mensilità. In caso poi di chiusura totale nei nostri confronti potrebbero anche rifiutarsi di pagarci. Avremo notizie, presumibilmente, a metà della prossima settimana».

Ciò che ravvisano i dipendenti provinciali è un rischio concreto. «La precisazione è d’obbligo – spiegano infatti – è perché la notizia appena uscita online, qualora non avesse reale riscontro, creerà solamente grossi problemi ai lavoratori dell’Ente che si vedrebbero “assalire” dai creditori senza avere realmente la possibilità di onorare gli impegni».