venerdì,Maggio 20 2022

A Vibo e a Pizzo si presenta il volume “Lo storiografo dei disguidi”

Ecco gli appuntamenti per conoscere il libro e dialogare con l’autore Paolo Codazzi

A Vibo e a Pizzo si presenta il volume “Lo storiografo dei disguidi”

“Vibo Capitale italiana del Libro 2021”, il “Centro per il libero e la lettura”, la città di Vibo Valentia, l’associazione “L’isola che non c’è”, l’associazione “Kairos”, l’istituto di istruzione superiore “De Filippis-Prestia” di Vibo Valentia, l’associazione culturale “Ipathia” presentano il volume “Lo storiografo dei disguidi” di Paolo Codazzi.
Gli incontri per dialogare con l’autore e conoscere il libro: giovedì, alle ore 18:00, a Palazzo Gagliardi di Vibo Valentia, mentre venerdì, alle ore 11.00, nell’istituto superiore “De Filippis- Prestia”, si svolgerà la seconda. Infine, sempre venerdì, alle ore 18:00, ci sarà il terzo e ultimo appuntamento nel Castello Murat di Pizzo. Presenterà gli eventi Davide Mirabello (giornalista) e modererà Concetta Silvia Patrizia Marzano, presidente dell’associazione “L’isola che non c’è”. Sarà naturalmente presente anche l’autore. Ecco cosa si legge nella descrizione del libro: «Con il tratto letterario sapiente e fine che Paolo Codazzi conferisce a ogni parola e frase, Lo storiografo dei disguidi si presenta come una raccolta di racconti legati tra loro da un visionario strabismo della realtà, ciascuno con un suo significato, i propri personaggi, i punti di vista che intersecano fatti e vicende comuni e straordinarie sullo sfondo di una Firenze sonnolente e ripiegata su se stessa. La realtà, in queste pagine, si trasforma e si forma grazie alla duttile poeticità letteraria dell’autore che prende per mano il lettore e lo conduce in contesti cittadini e dentro ambienti familiari, pescando nel quotidiano e nel sottobosco di stili e di voci padroneggiate con incredibile maestria. In questi racconti si scopre anche che non sempre la via maestra è quella tracciata e sicura di fronte ai propri occhi, per la presenza di capovolgimenti di fronte repentini e spiazzanti, tipici di un grande scrittore».

Articoli correlati

top