Gestione commissariale a Mileto, l’ex assessore Fogliaro: «Dubbi sulla rotazione del personale»

L’esponente della decaduta Giunta guidata dal sindaco dimissionario Rosetta Mazzeo interviene anche sulle prossime elezioni: «In tanti chiamano ma resto alla finestra in attesa di capire e nel frattempo lascio il Pd»

L’esponente della decaduta Giunta guidata dal sindaco dimissionario Rosetta Mazzeo interviene anche sulle prossime elezioni: «In tanti chiamano ma resto alla finestra in attesa di capire e nel frattempo lascio il Pd»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nei giorni scorsi il commissario Sergio Raimondo e il sub commissario Giovanni Gigliotti hanno messo nero su bianco la rotazione del personale alle dipendenze del Comune di Mileto. Una riorganizzazione attuata con l’intento di dare maggiore incisività all’azione amministrativa dell’Ente. Oggi a dire la sua al riguardo, e non solo, è l’ex esponente dell’Amministrazione guidata da Rosetta Mazzeo, Nicola Fogliaro, in carica per soli due mesi a causa del passo indietro fatto per motivi di salute dal sindaco. «Tali spostamenti – afferma a Il Vibonese l’ex assessore all’Urbanistica e ai Lavori pubblici della cittadina normanna – più che degli scossoni appaiono come dei piccoli interventi di restyling che non affrontano alla radice la questione. Essi, tra l’altro, toccherebbero alla politica e non a dei gestori straordinari del Comune che, proprio perché tali, opereranno per un periodo breve e circoscritto a Mileto. Mi sono fatto l’idea che le decisioni prese in tal senso abbiano motivazioni che vanno oltre la semplice buona organizzazione del personale. Con tutta la buona volontà, come possono dei commissari appena insediatisi avere la contezza della situazione? Non vorrei che tali spostamenti siano stati suggeriti da altri, magari da chi da tanto tempo staziona saldamente a Palazzo dei normanni». 

Informazione pubblicitaria

Sviscerata la questione riguardante il turn over dei dipendenti comunali, l’ex assessore, tra l’altro risultato primo eletto tra la schiera della passata maggioranza, volge lo sguardo alle prossime elezioni amministrative, che con molta probabilità si svolgeranno tra maggio e giugno del 2019. «Tanti “generali” – svela Fogliaro – in questi giorni hanno chiamato proponendomi un arruolamento nelle loro truppe. Tra questi, molti presunti leader di armate Brancaleone. A tutti ho risposto allo stesso modo: “Ho deciso di prendermi dei giorni di riposo sabbatico, tant’è che mi sono temporaneamente sospeso dal Partito democratico. È chiaro, tuttavia, che rimango alla finestra in attesa di capire se ci saranno dei progetti validi da condividere. Detto ciò, mi auguro che sullo sfondo non appaiano le solite associazioni fantasma che dopo eclatanti proclami, alle prime difficoltà si sciolgono come neve al sole, ma che al contrario alle prossime elezioni si presenti gente che abbia veramente a cuore le esigenze della comunità, tralasciando gli interessi di pochi e beghe campanilistiche, specialmente tra Mileto e Paravati, che da decenni frenano lo sviluppo del territorio. Anche in queste ore alcuni “strateghi” stanno cercando di porsi come il nuovo e di coinvolgere molti nei loro fallimenti, gente a capo di nuclei familiari che vanno per la maggiore e che da anni fanno il bello e cattivo tempo, facendo saltare tavoli e ritrovandosi, per propria incapacità politica, in liste perdenti alle ultime elezioni». 

Al termine del suo intervento, l’ex assessore della giunta Mazzeo si esprime sui flop che hanno contraddistinto la politica miletese nell’ultimo decennio. Fallimenti che, a suo parere, non riguardano la maggioranza di cui ha fatto parte sino a pochi giorni fa. «Non penso – afferma infatti – che noi facciamo parte di questo gruppo. Abbiamo governato a Palazzo dei normanni per soli due mesi. La nostra uscita di scena non è dovuta a nessun fallimento, ma solo a problemi di salute che stanno affliggendo il nostro caro sindaco Rosetta Mazzeo, a cui anche oggi esprimo il mio affetto e i più sinceri auguri di pronta guarigione».

LEGGI ANCHE: Comune Mileto: scossone dei commissari sul personale

Mileto: “Città Futura” si candida alla guida del Comune

Comune di Mileto: al via ufficialmente la gestione commissariale