Aggressione a Macrì, la condanna di Mangialavori: «A Tropea clima odioso»

Il senatore di Forza Italia esprime vicinanza al candidato sindaco che si è visto danneggiare lo scooter a colpi d’accetta da un aspirante consigliere di una lista avversaria  

Il senatore di Forza Italia esprime vicinanza al candidato sindaco che si è visto danneggiare lo scooter a colpi d’accetta da un aspirante consigliere di una lista avversaria  

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«L’aggressione subita dal candidato sindaco di Tropea Giovanni Macrì è un atto inquietante e pericoloso, perché mina i principi democratici nei quali tutti ci riconosciamo». A riferirlo, in una nota, è il senatore Giuseppe Mangialavori. «Non entro nel merito della vicenda, sulla quale sarà la magistratura a fare piena chiarezza. Ciò che sgomenta, tuttavia – osserva ancora il parlamentare di Forza Italia -, è il clima odioso nel quale si sta svolgendo la campagna elettorale di uno dei comuni più importanti della Calabria; un clima che certo non favorisce la distensione e che rischia di compromettere il regolare svolgimento delle consultazioni elettorali. Assieme al coordinamento provinciale di Fi – conclude Mangialavori -, manifesto la mia totale e incondizionata vicinanza a Macrì per la grave aggressione subita e lo esorto a continuare a impegnarsi per Tropea, una città che, oggi più che mai, ha bisogno della fermezza e della dedizione di uomini come lui».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Clima elettorale rovente a Tropea, candidato sindaco aggredito con un’accetta

Elezioni e scontri a Tropea: lite fra medico ed avvocato, sequestrata l’accetta