Elezioni provinciali a Vibo, ecco i dati ufficiali delle preferenze ai consiglieri

Policaro primo degli eletti con 10.014 voti ponderati seguito da Zinnà (9.960). Exploit della Fiorillo, prima eletta nelle liste a sostegno di Schinella con 6.630 voti ponderati. Zero consensi per i candidati del Pd dal Consiglio del capoluogo  

Policaro primo degli eletti con 10.014 voti ponderati seguito da Zinnà (9.960). Exploit della Fiorillo, prima eletta nelle liste a sostegno di Schinella con 6.630 voti ponderati. Zero consensi per i candidati del Pd dal Consiglio del capoluogo  

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

È il consigliere comunale di “Vibo Unica” Giuseppe Policaro il candidato al consiglio provinciale più votato nel corso dell’ultima tornata elettorale di secondo livello che ha chiamato al voto gli amministratori locali dei 50 comuni del Vibonese, ad esclusione dei centri commissariati Mileto, Nicotera, Limbadi, San Gregorio d’Ippona e Briatico. Una tornata che, com’è noto, ha visto l’affermazione del candidato presidente Salvatore Solano, sindaco di Stefanaconi, sostenuto da una coalizione di centrodestra, a discapito del primo cittadino di Arena, Antonino Schinella, candidato dal Pd con il sostegno esterno del cosiddetto terzo polo, con un distacco di circa 13mila voti ponderati: 50.948 per Solano e 37.926 per Schinella. Il dato di Policaro si evince chiaramente dai risultati ufficiali dello scrutinio delle schede da parte dell’Ufficio elettorale provinciale, guidato dal segretario generale dell’Ente Mario Ientile. L’esponente della lista “Rinascita Vibonese” raccoglie 18 preferenze nei comuni di fascia A (fino a 3.000 abitanti); 7 in fascia B (da 3mila a 5mila); 3 in fascia C (fino a 10mila); 7 in fascia E, ovvero nel consiglio comunale di Vibo Valentia, per un totale di 35 voti pari ad un indice ponderato di 10.014 voti. Secondo degli eletti nello schieramento di centrodestra è Antonio Zinnà, consigliere comunale di maggioranza di San Calogero, in quota Mangialavori, che ottiene 12 voti in fascia A; 12 in fascia B; 5 in fascia C; 5 in fascia E, per un totale di 34 voti e un indice ponderano di 9.960 voti. Zinnà è l’unico dei cinque consiglieri eletti nello schieramento a sostegno di Solano a provenire dalla lista “Forza civica” che annoverava inoltre l’ex sindaco di Joppolo Giuseppe Dato (2394 voti ponderati), Stefania Vallore di Maierato (1160 voti) e Giovanni Cosentino di Arena (282). All’asciutto la quinta candidata Rossana Falduto di Vibo (0 voti). (L’articolo prosegue sotto la pubblicità)

Informazione pubblicitaria

Nella lista “Rinascita vibonese”, alle spalle di Policaro, ad ottenere un indice ponderato di 7.426 voti è Giuseppe Muratore, anch’egli in quota Forza Italia, votato da 19 consiglieri di fascia A; 4 di fascia B; 2 di fascia C; 5 di fascia E per un totale di 30 voti. Domenico Anello, vicesindaco di Francavilla Angitola (Forza Italia), entra in consiglio provinciale grazie a 15 voti in fascia A; 3 in fascia B; 11 in fascia C; 4 in fascia E per un totale di 25 voti e 6.444 voti ponderati. Infine è la candidata di Fratelli d’Italia, Maria Rosaria La Grotta, consigliere comunale a Vibo, a strappare un seggio a Palazzo ex-Enel in virtù di 5 voti in fascia A; 6 voti in fascia B; 2 in fascia C; 4 in fascia E per un totale di 17 voti e 5.834 voti ponderati. Più indietro Antonella Grillo, assessore di Zambrone, con 2.570 voti ponderati; Antonello Vasinton, consigliere a Parghelia (1.678); Matteo Umbro, consigliere a Polia (658); Francesco Artusa, consigliere a Filandari (502). Zero preferenze per i consiglieri di “Vibo Unica” Claudia Gioia e Samantha Mercadante.

Sul fronte opposto la prima degli eletti è un altro consigliere comunale vibonese: l’avvocato Maria Fiorillo, sostenuta dai “Progressisti per Vibo” di Antonio Lo Schiavo con l’appoggio di un consigliere in quota Giamborino. Sono infatti 5 le preferenze ottenute dalla candidata della lista “Civilmente impegnati” in fascia E; 12 in fascia A, 4 in fascia B; 1 in fascia C per un totale di 22 voti e un voto ponderato pari a 6.360. Secondo eletto dello schieramento a sostegno di Schinella è un altro esponente della stessa lista, vale a dire il vicesindaco di Sorianello Carmine Mangiardi, sostenuto dall’ex presidente della Provincia Francesco De Nisi. Per lui 27 voti in fascia A; 0 in fascia B; 6 in fascia C; 0 in fascia E: totale 33 voti, 4.986 ponderati. Non entrano in Consiglio, dalla stessa lista, l’assessore di San Costantino Calabro Antonio Raffaele Corigliano (3.900), l’assessore di Polia Giovanni Anello (1.646), il consigliere di Filadelfia Anna Lisa Rondinelli (94), il consigliere di Vallelonga Debora Boragina, il consigliere di Francavilla Angitola Giuseppe Conidi (entrambi a zero voti); i sindaci di Dinami e Spadola, Gregorio Ciccone, Cosimo Damiano Piromalli, e l’assessore di Dinami Rosa Emanuela Campagna, vale a dire i candidati in quota Bruni-Udc che avevano manifestato la volontà di ritirarsi dalla competizione e che, in coerenza con tale intendimento, non hanno totalizzato alcuna preferenza.

Il Partito democratico elegge dal canto suo tre consiglieri. Si tratta di Antonio Carchedi, vicesindaco di Filadelfia figlio dell’ex braccio destro di De Nisi, che ottiene 28 voti nei comuni di fascia A; 2 in fascia B; 4 in fascia C; 0 in fascia E per un totale di 34 voti e 4.756 voti ponderati. Quindi Francesca Pascale, vicensindaco di Pizzo sostenuta da Gianluca Callipo, che ottiene 8 voti in fascia A; 4 in fascia B; 7 in fascia C; 0 in fascia E per 19 voti totali e un voto ponderato pari a 4.592. Terzo eletto Gregorio Profiti, assessore a Sant’Onofrio, che totalizza 17 voti in fascia A, 10 in fascia B, 1 in fascia C, 0 in fascia E, con 28 voti complessivi e 4.466 ponderati. Resta inesorabilmente bianca quindi, la colonna di fascia E – Comune di Vibo – per il Pd: 0 voti a certificare oltre ogni dubbio la scelta dei sei consiglieri dem di orientare altrove le loro preferenze, anche nel caso dei candidati al Consiglio, oltre che sul voto per il presidente. Restano fuori il consigliere comunale di Filogaso, Maria Condello (4.322), sostenuta dall’ex deputato Bruno Censore; il sindaco di Joppolo Carmelo Mazza (3.562), sostenuto dal consigliere regionale Michele Mirabello; Vincenzo Costa (1.536) consigliere comunale di Fabrizia, Raffaella Giuliano (658) assessore a Simbario, Bruno Papa (564) consigliere a Brognaturo, Luciano Fiamingo (94) consigliere a Zungri, Giuseppa Forelli (0) consigliere comunale a Ricadi.

LEGGI ANCHE: Elezioni provinciali a Vibo, ecco la composizione del nuovo Consiglio

Elezioni provinciali a Vibo, Salvatore Solano è il nuovo presidente – Video

Provinciali, voti del Pd di Vibo al candidato di centrodestra: i vertici del partito tacciono

Elezioni provinciali, Pd fuori dai giochi a Vibo città. Sorride solo Lo Schiavo

Provinciali, volano stracci tra Cutrullà e Pellegrino: «Se vuol fare politica si dimetta da commissario»

Elezioni provinciali a Vibo, la denuncia di Pellegrino: «Fotografati i voti»

Provinciali, il Pd batte un colpo. Pellegrino: «Il gruppo consiliare di Vibo filiale di Forza Italia»

Sul voto alle elezioni provinciali il Pd rischia l’estinzione al Comune di Vibo

Elezioni provinciali, le sirene di Forza Italia sulle scelte dei consiglieri Pd di Vibo