Carattere

Il candidato sindaco del MeetUp 5 Stelle si dice orgoglioso di presentare una sola lista e stigmatizza la corsa alle candidature: «produrrà una paralisi amministrativa». L’investitura ufficiale del Movimento in dirittura d’arrivo 

Domenico Santoro con Beppe Grillo
Politica

Pur non essendo tra i favoriti, potrebbe essere lui l’outsider della prossima competizione elettorale per il rinnovo del consiglio comunale di Vibo Valentia. A prima vista, la presenza di una sola lista sulla quale poter contare potrebbe sembrare un tallone d’Achille, ma in realtà, a parere del candidato del MeetUp Cinquestelle Vibonesi in movimento, rappresenta un punto di forza. La motivazione è presto detta: «Partecipare con una sola lista non è solo una scelta dettata dal nostro regolamento, come espresso dal portavoce del Movimento Cinque Stelle, Riccardo Tucci, ma anche un segno di trasparenza e di coerenza. La lista unica - aggiunge -, vincola il voto a una scelta di programmi prima ancora di basarsi sulle persone, sugli amici, sui parenti, sui conoscenti, che sarebbe un voto non rappresentativo di una scelta politica». E per rendere ancora più pregnante questo concetto, Santoro ricorre ad una metafora: «Mettere insieme più liste costituite da una varietà di persone e, soprattutto, di differenti identità politiche talvolta tra loro inconciliabili, dà l’impressione di una rete lanciata nel mare dell’elettorato per pescare indistintamente consenso purché sia. Ciò scatenerà degli appetiti politici che avranno come conseguenza la paralisi dell’amministrazione comunale e il suo collasso».

Domenico Santoro quindi prosegue: «La nostra lista è stata formata con sapienza e tutti hanno presentato sia il certificati del casellario giudiziale e sia quello relativo ai carichi pendenti, per cui la certificazione da parte del Movimento Cinque Stelle, ormai in fase finale, è stata più laboriosa. Una caratteristica della nostra lista è quella dell’assenza del principio padre-figlio con cui le altre liste vogliono ridarsi una verginità. Il loro tentativo sarà quello di allontanarsi dalle vergognose passate amministrazioni, di cui molti di loro portano la responsabilità». Il candidato del Movimento Cinque Stelle, architetto urbanista e quindi avvezzo alla progettazione di soluzioni innovative, sembra non avere dubbi sulla forte volontà di cambiamento che serpeggia nell’elettorato vibonese: «Vedo una città che, in maggioranza, vuole liberarsi dalle “ammucchiate” e dagli inganni. Sto incontrando tanta gente e molte associazioni che, nel suggerirmi punti programmatici, mi domandano se riuscirò a cambiare la metodologia di governo. La risposta sta nel titolo del mio libro: “La partecipazione cittadina ci libera dalla corruzione politica”. E’ quindi la partecipazione lo strumento principale per cambiare la città, azione che non significa chiamare ogni tanto le associazioni per informarle, ma amministrare con i cittadini chiamando gli interessati al progetto ad esprimersi prima di prendere le decisioni». [Continua dopo la pubblicità]

Fra le innovazioni, la lista di Santoro sindaco pensa ad una città che, attraverso l’innovazione tecnologica, sia capace di riscoprire la sua “vibonesità” al fine di effettuare uno scatto culturale ed economico. Il candidato pentastellato lancia quindi la sua “Rivoluzione gentile” che, attraverso legalità e trasparenza, risolva prima di ogni altra cosa tre punti cardine: la riduzione dei costi della politica del 50 per cento; la restituzione ai vibonesi dell’acqua che loro spetta; la liberazione della città dai rifiuti. A conclusione ribadisce poi che «presentarsi ai cittadini con una lista unica a supporto del candidato sindaco è il nostro, ma non l’unico, segnale di cambiamento per la città. La “Rivoluzione gentile” è in marcia, incruenta e pacifica, legale e popolare».

LEGGI ANCHEComunali a Vibo, il Pd cittadino verso il commissariamento

Comunali a Vibo, le Marinate pronte a partecipare con una lista

Comunali a Vibo, Lo Schiavo si tira fuori: «Centrosinistra affossato da Censore e Mirabello»

Comunali a Vibo, il Forum: «Deleteria la proliferazione di liste»

Comunali a Vibo, l’“harakiri” del Pd e i veti che hanno polverizzato il partito

Comunali a Vibo, Luciano presenta le liste che lo sosterranno

La sfida di Maria Limardo: «Basta false promesse, iniziamo ad ascoltare i cittadini» - Video

Riduzione dei costi della politica a Vibo, la proposta di Romanò dopo il nostro servizio

Costi della democrazia e gettoni di presenza: il “bello” della politica a Vibo

Lacnews24.it
X

Seguici su Facebook