Trasversale delle Serre, “Combatto”: «Si anticipino i bandi al 31 dicembre»

Il comitato civico spinge il sindaco di Serra San Bruno a farsi promotore della proposta presso l’Anas affinché venga velocizzato il completamento del tratto delle Preserre

Il comitato civico spinge il sindaco di Serra San Bruno a farsi promotore della proposta presso l’Anas affinché venga velocizzato il completamento del tratto delle Preserre

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Sulla Trasversale delle Serre continua a restare alta l’attenzione del comitato civico “Combatto”, che torna sulla questione appalti incalzando la politica. «Non sono concepibili ulteriore ritardi nel decollo degli appalti – affermano gli attivisti in una nota -. Il sindaco di Serre San Bruno in qualità di presidente della conferenza dei sindaci proponga in un apposito tavolo istituzionale il termine ultimo di avvio degli appalti per tutti i tre lotti al 31 dicembre 2019. Non è concepibile che il territorio delle Preserre, già depauperato di tanti uffici e servizi, barattando o ancora peggio avallando il ritardo nell’avvio delle opere, venga svenduto per giochi politici elettorali. Tutti i Comuni interessati da questa vicenda si rendano protagonisti di azioni concrete per accelerare il completamento dell’opera e non facciano come i loro colleghi catanzaresi avidi di proposte e soluzioni senza uscita per il tratto finale della Trasversale delle Serre, tra Gagliato e la costa jonica. Il ruolo che ricopre il sindaco di Serra San Bruno – prosegue la nota – non è un privilegio ma ruolo istituzionale di impulso per predisporre azioni a difesa e salvaguardia di un territorio che abbraccia tanti Comuni. Il presidente della conferenza dei sindaci faccia propria la nostra proposta: richiesta ad Anas di modifica dei bandi di gara della Trasversale delle Serre per anticipare gli appalti al 31 dicembre 2019».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHETrasversale delle Serre, aperto un nuovo tratto di strada

Trasversale delle Serre, l’allarme di “Combatto”: «A rischio 148 milioni di euro»