domenica,Gennaio 29 2023

Comune di Joppolo in default: il Consiglio delibera lo stato di dissesto finanziario

Quasi sette milioni di euro di disavanzo di amministrazione. Piano di riequilibrio attualmente esistente ritenuto inidoneo a risolvere le problematiche

Comune di Joppolo in default: il Consiglio delibera lo stato di dissesto finanziario
Il Municipio di Joppolo
Giuseppe Dato

Il Consiglio comunale di Joppolo con otto voti favorevoli, zero astenuti e zero contrari ha deliberato lo stato di dissesto finanziario dell’ente. La dichiarazione di dissesto è stata trasmessa al prefetto di Vibo Valentia, Roberta Lulli, ed entro cinque giorni verrà trasmessa al Ministero dell’interno ed alla Procura regionale per la Calabria della Corte dei conti, unitamente alla relazione dell’organo di revisione. La dichiarazione di dissesto non è revocabile ed è stata motivata nella relativa delibera con: un grave disavanzo di amministrazione;  la presenza debiti liquidi ed esigibili di terzi ai quali non si può fare validamente fronte; presenza di debiti fuori bilancio ai quali non si può dare copertura per mancanza di adeguate risorse; grave difficoltà per l’assolvimento delle funzioni e servizi indispensabili.
A pagare le conseguenze del dissesto saranno naturalmente per primi i cittadini che si vedranno innalzate al massimo le aliquote dei tributi comunali. «Le disponibilità dell’Ente – si legge nella delibera del Consiglio – risultano assolutamente inadeguate rispetto alle immediate esigenze di cassa e nella situazione economica e finanziaria l’ente non può garantire l’assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili. [Continua in basso]

Il Consiglio comunale ha altresì stabilito che «la procedura, di cui all’art. 243 del Tuel, del piano di riequilibrio attualmente in atto, non appare – alla luce della situazione economico-finanziaria che attraversa l’Ente – la misura idonea a risolvere le problematiche esistenti e non farebbe altro che prolungare la situazione esistente per poi portarla in ogni caso al default. L’ente è già in condizioni di dissesto strutturale e la procedura del Piano di riequilibrio pluriennale non consentirebbe di assicurare i servizi pubblici essenziali e la dismissione integrale della massa debitoria. La dichiarazione dello stato di dissesto finanziario costituisce quindi una determinazione vincolata ed ineluttabile, essendosi in presenza dei presupposti di fatto fissati dalla legge». Nella delibera del Consiglio comunale e nella relazione del responsabile del Servizio finanziario del Comune si parla di «squilibri finanziari di carattere strutturale radicati nel tempo, tali da creare maggior disavanzo e non permettere la corretta elaborazione del bilancio» con un «ricorso costante all’utilizzo di anticipazione di tesoreria e delle partite vincolate, con un’esposizione debitoria per l’intero anno».

Ecco, quindi, il risultato di amministrazione nel triennio 2018-2020. Risultato prospetto dimostrativo anno 2018, disavanzo –2.910.536,89 euro; risultato prospetto dimostrativo anno 2019, disavanzo -2.644.309,63 euro; risultato prospetto dimostrativo anno 2020, disavanzo –2.656.309,43 euro. Nonostante l’intervenuta adozione del Piano di riequilibrio finanziario pluriennale, l’ente ha registrato «un peggioramento del disavanzo di amministrazione il quale, nel 2022 (dati contabili riferiti al 31 dicembre 2021) ha raggiunto dimensioni superiori a quelle iniziali e incompatibili con il riassorbimento previsto nel Piano adottato».

Il rendiconto di gestione esercizio 2021 si è chiuso con un disavanzo di amministrazione di – (meno) 6.850.711,82 euro e, secondo la delibera del Consiglio comunale la dichiarazione di dissesto era inevitabile, con le precarie condizioni economiche dell’ente note sin dal 2016 «come risulta dalla relazione acquisita agli uffici del protocollo comunale al n. 1539 in data 07.03.2016, quando l’allora responsabile del Servizio finanziario, rag. Vincenzo La Rocca, dopo avere relazionato in merito invitava l’organo politico a “porre in atto le azioni e i procedimenti previsti dalla legge». L’attuale amministrazione guidata dal sindaco, Giuseppe Dato, è stata eletta nell’ottobre 2021.

LEGGI ANCHE: Comune di Joppolo, l’ex sindaco Vecchio: «Dissesto si poteva e doveva evitare»

Comune di Joppolo, il vicesindaco Ventrice replica alle accuse di Mangialardo

Articoli correlati

top