giovedì,Luglio 25 2024

Vibo e nuova toponomastica, il M5S: «In cinque anni non una sola strada ha cambiato nome»

I consiglieri comunali Silvio Pisani e Domenico Santoro hanno interrogato l'amministrazione sulle modifiche approvate da tempo dalla Commissione urbanistica di cui vi è traccia "solo su carta". La risposta dell'assessore Pasquale Scalamogna

Vibo e nuova toponomastica, il M5S: «In cinque anni non una sola strada ha cambiato nome»
Vista su Vibo Valentia
Silvio Pisani

Durante l’ultimo Consiglio comunale di Vibo Valentia, svoltosi in modalità Question time, i consiglieri comunali pentastellati Silvio Pisani e Domenico Santoro hanno esposto diverse “problematiche persistenti sul territorio comunale”. Tra i temi affrontati, uno dei punti ha riguardato la “nuova toponomastica sconosciuta” e a esporre l’interrogazione è stato Silvio Pisani, sottolineando che “ormai, da anni, la Commissione urbanistica ha approvato una miriade di modifiche alla toponomastica, in particolare quella di Natale De Grazia, di Federica Monteleone, di Filippo Ceravolo, Angelo Vassallo, Peppino Valarioti e ultimamente ha  presentato quella di Peppino Impastato e di Rino Gaetano, che purtroppo, però, sono ferme da anni perché nessuno le ha riprese. Riguardo a queste modifiche non si è più saputo nulla e in cinque anni non una sola strada ha cambiato denominazione se non sulla carta”. E’ stata questa, dunque, la richiesta di chiarimenti rivolta all’amministrazione da parte del consigliere Pisani alla quale ha risposto il vicesindaco Pasquale Scalamogna che ha precisato come risulti “fortemente scorretto il fatto che le interrogazioni vengano protocollate con poco margine temporale, quando gli uffici sono chiusi, mettendo in difficoltà l’assessore che, a sua volta, non può rispondere in maniera concreta alle domande poste, pertanto, per come la vedo io, – ha sottolineato – l’interesse del M5S non è quello di ricevere responsi compiuti”. 

L’assessore all’Urbanistica Pasquale Scalamogna

Per quanto riguarda la toponomastica, Scalamogna ha informato di essersi “attivato, già lo scorso agosto, a sollecitare chi di competenza per le varie modifiche e, a seguito della mia nota, si è proceduto a creare un database dove sono deste inserite tutte le deliberazioni che sono state fatte e ad oggi, la prefettura sta mandando in modo scaglionato le ultime determinazioni; è da apprezzare, inoltre, il lavoro prezioso di Nicola La Bella nell’individuare e segnalare le anomalie presenti sul territorio, come strade con la stessa denominazione”. L’assessore Scalamogna ha precisato che “presto riusciremo a dare un nuovo nome alle strade in questione”. La risposta dell’assessore Scalamogna non ha convinto il consigliere Silvio Pisani che si è dichiarato “insoddisfatto, in quanto non è stata inaugurata nemmeno una nuova denominazione stradale, nonostante la chiara richiesta, e poi anche se le modifiche sono state effettuate sulla carta, manca ancora l’autorizzazione per installare fisicamente i nuovi segnali stradali e le targhe. Sono completamente deluso dal fatto che sia necessario un bando dell’autorità prefettizia per procedere con le modifiche, che tra le altre cose, non sono state apportate neanche su Google Maps”.

LEGGI ANCHE: Comune di Vibo, la giunta delibera l’intitolazione di una piazza a Giuseppe Nusdeo

La Giunta di Vibo procede per il ripristino del nome Porto Santa Venere per la frazione marina

Passa in Commissione a Vibo la proposta di intitolare una via a… Silvio Berlusconi

top