Anticorruzione a Vibo, il sindaco nomina responsabile Adriana Teti

Maria Limardo firma il decreto che conferisce il ruolo alla dirigente, stante l’incompatibilità del segretario generale
Maria Limardo firma il decreto che conferisce il ruolo alla dirigente, stante l’incompatibilità del segretario generale
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il sindaco di Vibo Valentia Maria Limardo ha nominato il responsabile dell’anticorruzione al Comune. Si tratta della dirigente Adriana Teti, che ha assunto l’incarico da ieri. Il provvedimento nasce dall’esigenza imposta dalla legge di individuare una figura apicale dell’ente col compito di attuare una serie di atti che mirano alla prevenzione e repressione del fenomeno della corruzione attraverso un approccio multidisciplinare.

Informazione pubblicitaria
Adriana Teti

Il primo cittadino si rifà al comma 7 dell’articolo 1 della legge 190/2012, che dispone che «l’organo di indirizzo politico individua, di norma tra i dirigenti amministrativi di ruolo di prima fascia in servizio, il responsabile della prevenzione della corruzione». Responsabile che, negli enti locali, «è di norma individuato nel segretario, salvo diversa e motivata determinazione». Ed è proprio questo il caso, perché, «stante l’incompatibilità del segretario generale (Domenico Scuglia, ndr) essendo stato incaricato di compiti di amministrazione attiva, quali lavori pubblici, patrimonio, tributi, il responsabile», il sindaco ha deciso di incaricare la dirigente Teti.

Il tutto in attesa di conoscere l’esito dell’inchiesta della Dda e della Guardia di finanza che hanno puntato i riflettori su una mole di atti di ogni settore del Comune di Vibo Valentia.