sabato,Giugno 15 2024

Vigili del fuoco, Mangialavori: «No alla chiusura del Comando provinciale»

Presentata dal consigliere regionale una mozione, approvata dall’assise, per l’adeguamento degli organici agli standard europei e per scongiurare il ridimensionamento del presidio vibonese.

Vigili del fuoco, Mangialavori: «No alla chiusura del Comando provinciale»
Il comando provinciale dei vigili del fuoco

Una mozione per superare le criticità collegate agli organici dei Vigili del fuoco e contro la chiusura del Comando provinciale di Vibo Valentia. L’ha presentata in consiglio regionale, il consigliere vibonese di Forza Italia Giuseppe Mangialavori. La stessa mozione è stata poi approvata dall’assise che ha impegnato il presidente della Regione, Mario Oliverio, ad affrontare «le varie problematiche che investono il Corpo dei vigili del fuoco, specie con riferimento alla stabilizzazione dei “discontinui”».

Il Corpo, spiega Mangialavori, «da anni è sottoposto a considerevoli tagli e nelle ultime settimane è stato anche avviato lo smantellamento del suo servizio tecnico. Invero, i Vigili del fuoco cosiddetti “discontinui” hanno storicamente rappresentato una risorsa fondamentale, in quanto sono stati utilizzati giornalmente per sopprimere alla carenza di organico. Tale risorsa, però, sarà cancellata dal gennaio 2016 mediante un generalizzato licenziamento del personale discontinuo. E ciò nonostante la loro oggettiva fondamentale attività».

Altro punto sollevato dal consigliere regionale vibonese è quello relativo al «riordino del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco che prevede la chiusura del Comando di Vibo Valentia e di vari distaccamenti permanenti su tutto il territorio calabrese. Ciò – per Mangialavori -, però, rischia di non ottemperare agli standard europei del soccorso. Soprattutto la normativa denominata “l’Italia in 20 minuti” approvata dal ministero dell’Interno e dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco. Lo standard europeo, d’altronde, prevede 60.000 Vigili del Fuoco permanenti, mentre la realtà attuale è che vi sono un totale di 28.000 Vigili del Fuoco permanenti. In Calabria, si registra una situazione ancora più grave, considerato che il rapporto popolazione-Vigili del fuoco è di 1/2200 (anziché 1/1000). Per l’effetto è stato chiesto d’impegnare il presidente a chiedere presso il Governo la menzionata osservanza degli standard europei e la revoca relativa al Comando provinciale di Vibo».

Articoli correlati

top