Posti di riabilitazione all’ospedale di Serra, Tassone: «Tempi siano celeri»

Il sindaco della Città della Certosa giudica positivamente la delibera dell’Asp di Vibo ma assicura «massima attenzione per una popolazione che ha bisogno di risposte tangibili»

Il sindaco della Città della Certosa giudica positivamente la delibera dell’Asp di Vibo ma assicura «massima attenzione per una popolazione che ha bisogno di risposte tangibili»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Costituisce senz’altro un fatto importante e positivo l’approvazione del progetto definitivo-esecutivo dei lavori di attivazione di 20 posti letto di Riabilitazione nel nostro ospedale, ma il cammino resta ancora lungo ed un cambio di passo in termini di velocità di concretizzazione dei programmi resta un’esigenza imprescindibile». Il sindaco di Serra San Bruno, Luigi Tassone, mostra soddisfazione per la delibera dell’Asp che dà un segnale per il locale nosocomio ma nel contempo resta «attento e vigile» perché «le procedure vanno a rilento e la popolazione ha bisogno di risposte tangibili in tempi brevi. Una comunità che vive in un’area disagiata e che ha subito privazioni significative con il Piano di rientro – spiega Tassone – non può permettersi lungaggini e ritardi. Si deve dunque procedere a stretto giro di posta anche con l’approvazione del progetto della Lungodegenza e con l’esplicazione della gara per consentire la materiale disponibilità e la reale fruibilità dei posti letto. Nei prossimi giorni – conclude il primo cittadino – chiederò un incontro ai vertici dell’Asp di Vibo per discutere del potenziamento del nostro ospedale, a partire dal Pronto soccorso, affinché tutto ciò che riguarda il rafforzamento del presidio, che è un baluardo fondamentale per la tutela della salute dell’intero comprensorio, sia percepito come un’attività effettivamente riscontrabile e non come una prospettiva che resta sulla carta». LEGGI ANCHEL’ ospedale di Serra San Bruno avrà venti posti letto di Riabilitazione

Informazione pubblicitaria