lunedì,Maggio 16 2022

Covid Vibo, l’Esercito allestisce un laboratorio mobile: si potranno processare 400 tamponi al giorno

Il responsabile Asp dell’attività logistica degli hub vaccinali, Nocera: «Una equipe sarà anche a disposizione delle scuole della provincia per le campagne screening»

Covid Vibo, l’Esercito allestisce un laboratorio mobile: si potranno processare 400 tamponi al giorno
L'allestimento del laboratorio mobile a Vibo

Individuare velocemente i nuovi positivi al Covid, implementare il sistema di tracciamento, circoscrivere i focolai. A Vibo Valentia l’Esercito italiano allestisce un laboratorio mobile. L’obiettivo perseguito dall’Asp è quello di processare direttamente in città i tamponi e al contempo dare sostegno alle scuole della provincia nelle campagne screening.  

I dati dell’emergenza nel Vibonese

I dati riguardanti l’emergenza sanitaria non sono rassicuranti. Nella settimana fra il 12-18 gennaio la Calabria – stando ai numeri forniti dalla fondazione Gimbe- ha registrato una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi. In più si è evidenziato un aumento dei nuovi casi del 29,2% rispetto ai sette giorni precedenti. Vibo Valentia è al primo posto nell’elenco dei nuovi positivi per 100mila abitanti con 1.606 casi emersi.  Seguono Reggio con 1.514, Crotone 1.242, Catanzaro 738 e Cosenza 479. In provincia di Vibo – in base all’ultimo bollettino regionale – le persone attualmente raggiunte dal virus sono 8.476.

L’Esercito a Vibo e i tamponi da processare

In tale contesto s’inserisce l’aiuto dell’Esercito: «In queste ore – fa presente Nicola Nocera, responsabile Protezione civile Augustus nonché dell’attività logistica degli hub vaccinali (Asp Vibo) – i militari stanno procedendo al montaggio del laboratorio mobile campale (Modulo R-Doit (Rapidly Deployable Outbreak Investigation Team) all’interno dell’ospedale Jazzolino. La struttura consentirà di processare giornalmente dai 300 ai 400 tamponi grazie al lavoro dei tecnici dell’Esercito. Si tratta di 3 militari tra cui 2 operatori di del 7° reggimento difesa Cbrn di Civitavecchia e un tecnico di laboratorio del Dipartimento Scientifico del Policlinico militare di Roma “Celio”. Secondo le previsioni, lunedì verranno effettuate le prove e nel giorno successivo la macchina entrerà in funzione. Si tratta di un aspetto non di poco conto, basti pensare che fino ad oggi i molecolari venivano inviati a Catanzaro per essere processati».

L’Esercito nelle scuole

Un secondo aspetto riguarda invece il supporto dei militari nelle scuole: «In settimana giungerà una equipe che si occuperà dei tamponi nelle scuole della provincia», aggiunge Nocera specificando che il gruppo sarà coadiuvato da infermieri messi a disposizione dell’Asp. Le giornate seguiranno un preciso calendario: «I giorni verranno stabiliti dall’Azienda sanitaria in collaborazione con le scuole, tenendo in considerazione anche la situazione contagi all’interno dei centri dove gli istituti hanno sede», conclude il responsabile.

Articoli correlati

top