sabato,Maggio 18 2024

Sanitari aggrediti, l’Asp dota le guardie mediche vibonesi di radio-comandi

Oltre al sistema di videosorveglianza e la vigilanza armata, previsti ulteriori strumenti a tutela del personale e degli utenti

Sanitari aggrediti, l’Asp dota le guardie mediche vibonesi di radio-comandi
Guardia medica

L’obiettivo è quello di implementare la sicurezza dei pazienti e soprattutto degli operatori sanitari in servizio presso le guardie mediche del comprensorio. Così, dopo i sistemi di videosorveglianza predisposti in quaranta strutture, l’Azienda sanitaria provinciale dota le postazioni di strumenti radiocomandati con pulsante antiaggressione. Si tratta di ulteriori provvedimenti attualizzati dopo i numerosi casi di violenza ai danni di medici avvenuti a Vibo ma anche a provincia. A Pannaconi, frazione di Cessaniti, si ricorderà, una giovane dottoressa era stata aggredita durante una visita domiciliare e un 60enne era stato denunciato. Risalgono a qualche settimana fa, anche le violenze ai danni di sanitari in servizio nell’ex nosocomio di Soriano Calabro, il “San Domenico”, sede appunto di guardia medica. Mentre bel capoluogo, presso l’ospedale Jazzolino, gli attacchi fisici e verbali contro i camici bianchi sono all’ordine del giorno. Proprio a seguito di tale esclation, era stato convocato in Prefettura un vertice istituzionale al termine del quale si era deciso di implementare i controlli delle forze dell’ordine e favorire l’installazione di sistemi di video sorveglianza a tutela dei sanitari e dei pazienti. 

Sicurezza nelle postazioni di guardia medica

Asp Vibo, il generale Battistini

A inizio febbraio, l’Asp aveva quindi proceduto ad istituire il servizio di vigilanza armata h12 nei presidi ospedalieri di Serra San Bruno, Tropea e Vibo Valentia, poi esteso anche al “San Domenico” di Soriano. L’ultimo atto dell’Azienda è stato l’affidamento alla società Sicurtransport la fornitura del Servizio di sicurezza postazioni guardie mediche. Il provvedimento interessa 37 siti: «L’affidamento della presente fornitura – si fa rilevare – rientra nell’ambito delle misure di prevenzione concordate in sede istituzionale con la Prefettura di Vibo Valentia». L’importo complessivo della spesa si attesta sui 24mila e 149 euro (le somme saranno registrate 12.864,90 euro sul conto 504020201 del bilancio 2024; 11.285,00 euro sul conto 502020116 del bilancio 2024). Sempre in questo solco, nei giorni scorsi, l’Azienda sanitaria ha proceduto ad affidare il servizio di vigilanza diurna presso la struttura sanitaria di Moderata Durant afferente al distretto sanitario unico dell’Asp Vibo. Il servizio verrà espletato dalla ditta “Istituto di Vigilanza Europol” di Reggio Calabria. Prevista una spessa di 44.296,98, euro.

LEGGI ANCHE: Aggressioni in ospedale a Vibo, Mammoliti (Pd) scrive al ministro della Sanità

Serra San Bruno, il Comitato: «Tre decreti in otto mesi ma il nostro ospedale resta invisibile»

Tumori, a Serra macchinario di ultima generazione: «Faciliterà le diagnosi»

Aggressioni nelle guardie mediche, l’Asp di Vibo attiva 40 punti di videosorveglianza

Articoli correlati

top