Coronavirus, insegnante di Limbadi in isolamento volontario

La donna, di rientro da Codogno, non presenta alcun sintomo. Intanto il Governo vara il decreto per l’emergenza: stop a manifestazioni pubbliche e scuole e uffici chiusi in Veneto e Lombardia
La donna, di rientro da Codogno, non presenta alcun sintomo. Intanto il Governo vara il decreto per l’emergenza: stop a manifestazioni pubbliche e scuole e uffici chiusi in Veneto e Lombardia
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Isolamento volontario. È la condizione in cui una giovane insegnante di Limbadi, insieme al suo partner, si è attualmente collocata dopo essere partita da Codogno, cittadina del Lodigiano dove si è sviluppato un significativo focolaio di Coronavirus. La coppia, partita in auto dalla Lombardia per far rientro nel paese di origine, è stata raggiunta telefonicamente mentre era ancora in viaggio e invitata a mettersi in contatto con il Centro di riferimento regionale.

Entrambi non presenterebbero al momento alcun sintomo ma si sono comunque posti precauzionalmente in sorveglianza attiva a domicilio in attesa di effettuare i dovuti accertamenti.

Nessun allarmismo, dunque, ma una prassi precauzionale dovuta principalmente alla provenienza da uno dei luoghi caldi dell’emergenza sanitaria in corso. Emergenza rispetto alla quale il Governo, al termine di una riunione fiume nella sede della Protezione civile, ha adottato nella serata di ieri (quindi dopo la partenza della coppia) un decreto con misure stringenti per tentare di arginare il diffondersi del Coronavirus dopo l’esplosione dei focolai in Lombardia e Veneto che ha portato a 76 il numero di persone contagiate.    

Misure che prevedono – spiega l’Ansa – il divieto di allontanamento e di ingresso nelle aree “focolaio” del virus, che saranno presidiate dalle forze di polizia e, in caso di necessità, anche dai militari, con sanzioni penali per chi viola le prescrizioni. Stop alle gite scolastiche in Italia e all’estero, sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche – a partire da tutte quelle previste oggi in Lombardia e Veneto, compresa la serie A di calcio – quarantena con “sorveglianza attiva” per tutti coloro che sono stati in contatto con casi confermati del virus. E ancora, chiusura di scuole, negozi e musei, stop a concorsi, attività lavorative private e degli uffici pubblici, fatti salvi i servizi essenziali, limitazione per la circolazione di merci e persone.

Coronavirus, negativo il test sulla donna ricoverata a Catanzaro
Coronavirus, “Vibo Unica” chiede al sindaco l’emanazione di un’ordinanza
Coronavirus, vertice in Prefettura a Vibo: «Situazione monitorata»
Coronavirus, la grafica de Il Vibonese utilizzata per una fake news

Informazione pubblicitaria