Coronavirus, anestesisti da Serra San Bruno a Vibo: Pronto soccorso “declassato”

Due specialisti trasferiti d’urgenza nel reparto di rianimazione dello Jazzolino. Al “San Bruno” punto di primo intervento con una postazione medicalizzata del 118
Due specialisti trasferiti d’urgenza nel reparto di rianimazione dello Jazzolino. Al “San Bruno” punto di primo intervento con una postazione medicalizzata del 118
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«A seguito del piano operativo di emergenza Covid 19 aziendale che prevede l’attivazione dei posti letto di terapia intensiva Sars Cov2 si rende necessario, al fine di un’adeguata organizzazione dell’intero servizio di anestesia e rianimazione del presidio ospedaliero di Vibo Valentia, – unico stabilimento dell’Asp in grado di garantire l’assistenza ai pazienti affetti da SARS CoV 2 – il trasferimento dei due dirigenti medici anestesisti dal presidio ospedaliero di Serra a quello di Vibo Valentia per essere integrati per intero nell’attività dell’Uoc Anestesia e Rianimazione, atteso che al momento è ricoverato un paziente in terapia intensiva Covid 19 e ciò rende improcrastinabile una turnazione di medici rianimatori H24 dedicato a detto percorso».

Coronavirus Vibo Valentia, le notizie e gli aggiornamenti in tempo reale

A renderlo noto è l’Asp di Vibo Valentia, attraverso il direttore sanitario Matteo Galletta e il commissario straordinario Giuseppe Giuliano, che spiegano inoltre che «il trasferimento dei due dirigenti anestesisti dal presidio ospedaliero serrere comporta la rimodulazione dell’offerta assistenziale della rete dell’emergenza trasformando da Pronto soccorso a Punto di primo intervento con la presenza H24 di una postazione medicalizzata del 118 che garantirà la presenza ed il trasporto in sicurezza dei pazienti urgenti nella rete dell’emergenza».

Coronavirus, la Santelli “blinda” Serra San Bruno

Quindi «l’articolazione dell’orario di servizio e delle attività assistenziale rimane invariato. La disposizione del trasferimento ha carattere di urgenza ed immediata – si spiega ancora -. Tale disposizione ha carattere temporaneo e per il tempo strettamente necessario alla risoluzione delle gravi problematiche connesse all’emergenza pandemica Covid 19. I cittadini del comune di Serra che sono stati posti in quarantena domiciliare dal Dipartimento di prevenzione qualora presentino sintomatologia associata a Covid 19, attestata dal medico di medicina generale e/o dal Pediatra di libera scelta, possono essere sottoposti a tampone al proprio domicilio».

Coronavirus: tre nuovi tamponi positivi a Serra San Bruno

Coronavirus, nel Vibonese “affruntate” e processioni rinviate a settembre

Informazione pubblicitaria