sabato,Ottobre 1 2022

Dal Veneto al Vibonese in bici: i 1200 km di solidarietà di quattro ciclisti

“Dal Raboso del Piave all’Amaro del Capo”: questo il nome dell'iniziativa volta a raccogliere fondi per la Terapia intensiva pediatrica di Padova. L'arrivo a Coccorinello

Dal Veneto al Vibonese in bici: i 1200 km di solidarietà di quattro ciclisti
L'arrivo dei quattro ciclisti a Coccorino

Dal Veneto alla Calabria in bici: 1200 chilometri percorsi con l’obiettivo di raccogliere fondi per la Terapia intensiva pediatrica di Padova. È l’impresa di quattro ciclisti, partiti da Tezze di Piave (in provincia di Treviso) e arrivati a Coccorinello. Un viaggio che li ha visti attraversare Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia e Basilicata in sella a quel mezzo di trasporto che – hanno dichiarato – «diventa un momento di unione per un gruppo di amici; di socializzazione e scambio culturale con tutte le persone che incontreremo nel nostro percorso; di solidarietà visto il nostro impegno, durante tutto il viaggio, di far conoscere il reparto di Terapia intensiva pediatrica di Padova e raccogliere fondi per sostenerla». [Continua in basso]

Una pedalata dietro l’altra e zaino in spalla, attraversare tutta l’Italia, partendo dal verde delle colline venete per arrivare all’azzurro del mare calabrese, è stata l’occasione anche per celebrare il made in Italy. Tant’è che l’iniziativa ha preso il nome da due celebri prodotti, simbolo rispettivamente del luogo di partenza e di quello d’arrivo: “Dal Raboso del Piave all’Amaro del Capo”.

I quattro ciclisti sono stati accolti nella piccola frazione di Joppolo da una rappresentanza dell’amministrazione comunale, guidata dal vicesindaco Florinda Albino, e dal gruppo “Fiab San Costantino Bicinsieme Paesaggi in movimento“, guidato da Raffaele Mancuso. Nei loro confronti i quattro “eroi” hanno espresso gratitudine per aver voluto condividere con loro un importante momento di socializzazione e scambio.

Articoli correlati

top