venerdì,Dicembre 2 2022

Ionadi, tutto pronto per “Torno giù”: manifestazione incentrata sui giovani

L’evento, diviso in due sezioni, si svolgerà il 30 settembre alle 21 a Vena di Ionadi. A confronto giovani, rappresentanti delle istituzioni e imprenditori

Ionadi, tutto pronto per “Torno giù”: manifestazione incentrata sui giovani

Punta sempre più sui giovani l’amministrazione comunale di Ionadi. E non poteva essere altrimenti, visto che l’Ente territoriale alle porte di Vibo Valentia è da qualche mese guidato da Fabio Signoretta, appunto il sindaco più giovane della Calabria. In questo contesto, venerdì 30 settembre, a partire dalle 21, il Comune di Ionadi organizza la manifestazione “Torno giù”, tesa a porre al centro dell’attenzione le nuove leve del territorio. L’evento è programmato nella piazzetta situata in via Petrarca di Vena di Jonadi e viene organizzato con il patrocinio della Commissione europea, del Consiglio regionale della Calabria, della Provincia di Vibo Valentia, della BCC Calabria Ulteriore, dell’Associazione South Working e di alcune realtà associative locali, tra cui Pro Loco e Valentia. [Continua in basso]

Il sindaco Signoretta

«Nell’occasione, attraverso un’agorà – afferma il sindaco Signoretta, illustrando l’iniziativa – i ragazzi e le ragazze saranno protagonisti e avranno modo di confrontarsi con professionisti quali imprenditori, dirigenti, politici, esperti di finanziamenti. L’obiettivo è quello di focalizzare l’attenzione sui giovani che rimangono o che decidono di tornare al sud per procedere verso un sistema coerente ed efficace di sostegno all’imprenditoria giovanile in più settori. Le nuove generazioni sono tra le categorie più colpite dalla crisi economica e sociale innescata dal Covid-19 e per questa ragione – aggiunge – vi è la necessità di incontrarsi nuovamente nelle piazze, per incentivare i partecipanti a generare energie positive e voglia di sviluppo. Stimolando la realizzazione di misure capaci di integrarsi in una filiera nazionale e regionale di incentivi già esistenti, costruendo un ecosistema in grado di offrire ai giovani un processo di crescita personale e collettivo valorizzando i giovani talenti calabresi. Esiste un forte il divario tra Nord e Sud, ma per un giovane istruito e qualificato le occasioni non mancano, anche senza andare via e lasciare la propria terra d’origine. Solo attraverso il capitale sociale possiamo assicurare dinamismo e nuova competitività al nostro territorio».

“Torno giù” si suddividerà in due sezioni. La prima, dal titolo “Ora parlano i giovani”, andrà a rimarcare la possibilità di dare spazio e parola ai giovani che, per motivi di studio e/o lavoro, hanno lasciato la propria terra per dirigersi verso mete differenti. Ad ascoltare, saranno in questo caso le autorità che ordinariamente siedono dal lato dei relatori (su tutti, i rappresentanti delle Istituzioni). La seconda sessione, infine, prevede l’esibizione live di Scarda, noto cantautore calabrese che ha condiviso l’esperienza di dover lasciare la propria terra. L’intento degli organizzatori è di riproporre il format annualmente, rendendolo sistemico rispetto al dibattito pubblico sul tema delle politiche giovanili.           

Articoli correlati

top