domenica,Maggio 26 2024

Contrasto alla criminalità: accordo tra Provincia di Vibo e Guardia di Finanza

La convenzione che verrà siglata nei prossimi giorni dal presidente Corrado L'Andolina e dal comandante provinciale Massimo Ghibaudo ha come obiettivo primario prevenire eventuali infiltrazioni mafiose negli appalti

Contrasto alla criminalità: accordo tra Provincia di Vibo e Guardia di Finanza
La sede della Provincia vista dall'alto
Corrado L’Andolina

“Migliorare l’efficacia complessiva delle misure volte a prevenire, ricercare e contrastare le violazioni in danno degli interessi economico-finanziari dell’Unione Europea, dello Stato, delle Regioni e degli enti locali, connessi alle misure di sostegno e finanziamento del Pnrr, in particolare per quanto riguarda la prevenzione, l’individuazione e la rettifica delle frodi, dei casi di corruzione, dei conflitti di interesse e della duplicazione dei finanziamenti e l’infiltrazione di organizzazioni mafiose degli appalti”. È il corpo centrale delle finalità che si propone di conseguire lo schema di convenzione che la Provincia di Vibo Valentia, guidata dal presidente Corrado L’Andolina, sottoscriverà ufficialmente il 28 febbraio prossimo con la Guardia di Finanza, rappresentata dal comandante provinciale Massimo Ghibaudo. D’altronde, le risorse del Pnrr rappresentano un’occasione anche per le organizzazioni criminali e, pertanto, contrastare eventuali ingerenze di queste ultime è un obiettivo primario. [Continua in basso]

Il protocollo di intesa costituisce la generale cornice di riferimento per le forme di cooperazione interistituzionale, allo scopo di rafforzare le azioni a tutela della legalità delle attività amministrative finalizzate alla destinazione e all’impiego delle risorse in questione. L’attività di collaborazione tra la Provincia e la Guardia di Finanza si sviluppa nel rispetto dei compiti istituzionali assegnati dall’ordinamento vigente e sarà espletata tenendo conto degli obiettivi assegnati alla Guardia di Finanza dal Ministro dell’Economia e delle Finanze, mediante la direttiva annuale per l’azione amministrativa e la gestione. L’efficacia del protocollo decorre dalla data di sottoscrizione dello stesso fino al completamento del Piano nazionale di ripresa e resilienza e, comunque, non oltre il 31 dicembre 2026 (data di cessazione del Pnrr stesso).

I compiti della Provincia. Rientra nelle sue prerogative comunicare al Comando provinciale informazioni e notizie circostanziate ritenute rilevanti per la repressione di irregolarità, frodi e abusi di natura economico finanziaria, di cui sia venuto a conoscenza quale soggetto destinatario finale, beneficiario e/o attuatore. Dovrà inoltre segnalare al Comando provinciale gli interventi, i realizzatori o esecutori che presentano particolari elementi di rischio, per le autonome attività di analisi e controllo da parte del Corpo, fornendo ogni informazione ed elemento utili e/o necessari anche sulla base della propria attività di valutazione del rischio frode.

L’azione della Guardi di Finanza. Il Comando provinciale assicurerà il raccordo informativo e curerà l’interessamento, per le eventuali attività, dei dipendenti Reparti operativi territorialmente competenti nello sviluppo di indagini, accertamenti e controlli. Inoltre, nel rispetto delle norme sul segreto istruttorio e sul segreto d’ufficio, comunicherà alla Provincia, ai fini dell’adozione degli eventuali provvedimenti di competenza, le risultanze emerse a seguito dei controlli svolti.

Riunioni periodiche. Per il perseguimento delle finalità oggetto del protocollo d’intesa, è promosso il confronto, attraverso riunioni periodiche, volto a individuare i settori maggiormente esposti a profili di rischio, sulla base degli elementi di anomalia più di frequente rilevati nel corso delle funzioni di monitoraggio e controllo proprie delle competenti strutture. Resta ferma l’autonomia della Guardia di Finanza nello svolgere ulteriori controlli di iniziativa, nell’ambito delle proprie competenze e attribuzioni. Inoltre, allo scopo di consolidare procedure operative efficaci, le Parti, di comune accordo, possono promuovere e organizzare incontri, seminari, nonché interventi formativi rivolti  ai dipendenti e corsi di aggiornamento professionale riservati al personale preposto allo svolgimento delle rispettive attività d’istituto.

LEGGI ANCHE: Vibo e Pnrr, protocollo d’intesa tra il Comune e la Guardia di Finanza

Sanità Calabria, protocollo d’intesa tra la Regione e la Guardia di finanza

Gli uomini dello Stato incontrano i ragazzi dell’Istituto Vespucci – Video

Articoli correlati

top