mercoledì,Aprile 24 2024

A Pizzo l’assemblea di Libera Calabria, Borrello eletto referente regionale

Co-referenti Franca Ferrami e Deborah Cartisano. La segreteria: «C’è una Calabria che non accetta di essere identificata con la ‘Ndrangheta»

A Pizzo l’assemblea di Libera Calabria, Borrello eletto referente regionale
L'assemblea a Pizzo

Si è svolta oggi a Pizzo, presso la sala della Parrocchia Resurrezione di Gesù, l’assemblea regionale di Libera Calabria alla presenza di Luigi Ciotti, dei coordinamenti e presidi territoriali, le tante realtà sociali di Libera in Calabria ed i familiari delle vittime innocenti della ‘ndrangheta. L’assemblea, presieduta da Simona Perilli, in rappresentanza dell’Ufficio di Presidenza di Libera, ha eletto come referente regionale Giuseppe Borrello e co-referenti Franca Ferrami e Deborah Cartisano. Nuove sfide, nuovi percorsi attendono Libera in Calabria, dove la ‘Ndrangheta, nonostante la sua dimensione internazionale ed imprenditoriale, mantiene forti le sue radici. Un impegno che ci vedrà impegnati nel rafforzare la rete di Libera nella nostra regione attraverso un lavoro di denuncia serio e documentato affiancato sempre dalla proposta. «Un racconto della nostra terra sempre più attuale e contro ogni forma di stereotipo che tenga conto, anche alla luce dei risultati importanti raggiunti dalla magistratura e dalle forze dell’ordine, delle esperienze positive di contrasto al potere dell’ndrangheta e di riscatto culturale della nostra regione», tiene a precisare la segreteria regionale che aggiunge: «C’è una Calabria che non accetta di essere identificata con la ‘ndrangheta, con la massoneria deviata, con la corruzione. Una Calabria viva, positiva, che in tante persone, soprattutto nei giovani, trova una risposta straordinaria, una straordinaria voglia di riscatto e di cambiamento».

LEGGI ANCHE: Pizzo, il premio Hero della Filitalia International a Francesco La Torre

Limbadi, consegnate le borse di studio alla memoria di Matteo Vinci

Nasce a Vibo l’associazione Ande, la presidente Fagà: «Le donne possono dare grandi contributi alla politica»

Articoli correlati

top