L’integrazione oltre la disabilità: la storia di Christian conquista il premier Conte

Il percorso scolastico dell'alunno della Vespucci di Vibo Marina raccontato in videoconferenza con il presidente del Consiglio e il ministro Azzolina in occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità
Il percorso scolastico dell'alunno della Vespucci di Vibo Marina raccontato in videoconferenza con il presidente del Consiglio e il ministro Azzolina in occasione della giornata internazionale delle persone con disabilità
Informazione pubblicitaria
Un momento della video-conferenza al Vespucci di Vibo Marina

Ci sono giornate che segnano la storia di una comunità. Eventi che, nella loro semplicità, danno spazio a esempi positivi di inclusione capaci di incoraggiare percorsi nuovi. Un messaggio carico di positività arriva da Vibo Marina in occasione della giornata internazionale dedicata alle persone con disabilità. Il piccolo Christian Mazzeo  vive a Cessaniti ma frequenta la terza elementare dell’Istituto “Vespucci” di Vibo Marina.

In videoconferenza con il premier Conte

È un bimbo non vedente, vivace, curioso e spigliato. La “normalità” per bambini speciali come lui può sembrare una meta difficilmente raggiungibile. Ma non questa volta. La sua esperienza all’interno della scuola è stata raccontata in teleconferenza con il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e con i ministri Lucia Azzolina (Istruzione) e Gaetano Manfredi (Università e Ricerca), in una delle più importanti iniziative dedicate alla ricorrenza.

L’impegno della scuola

Per implementare la piena inclusione di Christian, infatti, il “Vespucci” ha messo a disposizione strumenti e competenze. I risultati non sono tardati ad arrivare. L’istituto guidato dalla dirigente scolastica Maria Salvia ha infatti posto al centro il benessere del bambino, con tutte le sue fragilità e ricchezze, favorendo un clima di integrazione e accoglienza. È stato questo l’elemento in più che ha consentito al giovanissimo studente di intraprendere con serenità il percorso scolastico: «In tutte le attività e progetti della scuola – conferma mamma Giusy – i docenti, i compagni e la preside hanno sempre coinvolto Christian. È stato accolto in modo impeccabile e, viste le tante situazioni di discriminazione che si verificano oggi come oggi, non possiamo che essere orgogliosi di tutto questo».

Il racconto di Christian

Christian con l’assessore Savaglio

Gli aneddoti, il rapporto con la classe, con gli insegnanti sono stati snocciolati proprio dal giovane studente. Dalla felicità per un voto alto, alle uscite coi compagni passando per le videolezioni a casa a causa della chiusura delle scuole per il coronavirus: «Io sto attento, ascolto ma stare in classe è più bello. Possiamo abbracciarci e divertirci», fa presente in videoconferenza. La sua testimonianza ha inorgoglito e commosso i presenti, tra cui l’assessore regionale Sandra Savaglio e il sindaco di Vibo Valentia, Maria Limardo, oltre ai piccoli allievi, preside e docenti.

«Christian è davvero felicissimo di frequentare questa scuola e ci racconta quanto appreso durante le lezioni. Tutto ciò – aggiungono mamma Giusy e papà Fortunato – non è affatto scontato». Anche lo stesso sindaco di Cessaniti, Francesco Mazzeo, nel riprendere l’evento parla di «giornata storica per l’intera comunità». Una testimonianza forte e genuina che abbatte ogni forma di barriera.