Vibonese schiacciata dalla Virtus Francavilla: in Puglia finisce 6-2 -Video

I rossoblu tornano ridimensionati dalla trasferta brindisina, mai padroni del gioco. Magra consolazione: la doppietta di Tito su calcio di rigore
I rossoblu tornano ridimensionati dalla trasferta brindisina, mai padroni del gioco. Magra consolazione: la doppietta di Tito su calcio di rigore
Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Una azione di gioco – Foto Mino Solazzo

Informazione pubblicitaria

Il più classico dei risultati tennistici si materializza a Francavilla Fontana. La Vibonese se ne torna a casa dalla trasferta brindisina con sei gol sul groppone. Riesce ad imbucarne due, entrambi dal dischetto, ma servono appena per le statistiche del suo autore, il terzino Tito, che di buono si porta a Vibo soltanto il tabellino. La Virtus Francavilla parte forte, mettendo in cassaforte il match già nella prima mezz’ora, e finisce fortissimo, col suggello in pieno recupero. In mezzo, la squadra rossoblu smarrita ed in balìa dell’avversario. Un avversario che già dai primi minuti spinge sull’acceleratore, con Caporale che al 14’ insacca per l’1-0, seguito a ruota, dopo appena due minuti, da Perez, che non pago, giunti al 27’, piazza la sua personale doppietta e fissa il risultato sul 3-0 per i padroni di casa. Sempre Perez sfiora la tripletta nel recupero ma la traversa lo blocca.

Ad inizio ripresa il tecnico della Vibonese butta nella mischia Bernardotto, Emmausso e Maniscalchi, rispettivamente per Allegretti, Bubas e Rezzi, ma la musica non cambia. All’11esimo è Albertini a siglare il poker, su respinta del portiere rossoblu Greco che aveva appena parato un rigore a Perez. Prodezza vana. A gettare nel totale sconforto una distratta Vibonese, incapace di gestire i calci piazzati, è Vasquez che al 15’ approfitta di una disattenzione del reparto arretrato, dribbla Redolfi e sono cinque. Il classico gol della bandiera lo segna Tito al 23’, che spiazza Poluzzi dal dischetto. La scena si ripete al 34’, doppietta per Tito. Il 5-2 è un’amara consolazione, che diventa amarissima nel recupero col gran gol di Bovo che fissa il risultato finale sul 6-2. Dopo le promettenti prestazioni delle ultime settimane arriva dunque un ko per Modica e i suoi. Un ko pesante come un macigno.