Vibonese calcio, il dg Beccaria saluta: «Dieci anni indimenticabili»

Il dirigente rassegna le dimissioni: «Porterò nel cuore ogni stagione, dai campi dell’Eccellenza fino agli stadi da Serie A. Ma il club resta in buone mani»
Il dirigente rassegna le dimissioni: «Porterò nel cuore ogni stagione, dai campi dell’Eccellenza fino agli stadi da Serie A. Ma il club resta in buone mani»
Informazione pubblicitaria
Il direttore generale Danilo Beccaria
Informazione pubblicitaria

Informazione pubblicitaria

Era arrivato a Vibo Valentia circa dieci anni fa. Una lunga e importante parentesi nella storia della Vibonese calcio e nella sua carriera. Per Danilo Beccaria è il momento dei saluti. Il direttore generale del club rossoblu lascia la squadra e la città, e si aggiunge agli altri due addii, quello del tecnico Giacomo Modica e del direttore sportivo Simone Lo Schiavo. Ma è innegabile che questo, per ruolo e durata, è l’addio più importante.

Beccaria affida i suoi saluti ai social, ripercorrendo «un decennio incredibile, che ho avuto la fortuna – dice – di condividere con amici vecchi e nuovi, dove è successo davvero di tutto: retrocessioni, promozioni, playout, playoff, spareggi, ripescaggi, conquiste di campionati, controversie in lega, vittorie nei derby contro Cosenza, Reggina e Catanzaro e tante cocenti sconfitte…». Ricorda poi gli anni «difficili e caldi dei campi dell’eccellenza calabrese e della serie D» fino ai match in «stadi come Bari, Catania, Avellino, Trapani, Lecce, Foggia, Caserta, senza mai sfigurare, anzi tante volte uscendo fra gli applausi e la simpatia del pubblico locale che iniziava a scoprire questa nuova realtà del calcio calabrese, mai così in alto».

Quanto al club, il dg lo ha visto «in questi anni cresciuto molto, soprattutto dal punto di vista dell’immagine e dell’organizzazione, adesso la Vibonese è considerata una realtà nazionale, stimata dagli addetti ai lavori per la sua stabilità e serietà nel mantenere gli impegni presi». Le dimissioni verranno formalmente presentate la prossima settimana, «ma lascio la squadra e la società in buone mani!». Poi i ringraziamenti: al presidente Caffo, al segretario Mancini, all’«amico» Lo Schiavo, ed a tutti i dipendenti che negli anni ha incontrato, così come a tutti i «calciatori, allenatori e preparatori». Per ultimi, ma non per importanza, Beccaria ringrazia i tifosi: «Ai sostenitori della tribuna, agli abbonati e agli splendidi ragazzi della curva che in questi anni hanno macinato migliaia di chilometri fra cori, striscioni e bicchieri di vino! Grazie all’attuale Curva Est, ma anche ai UV95, Supporter, Vecchia Guardia, Cani Sciolti, Lions e chi più ne ha più ne metta…». Infine una promessa: «La mia è stata una passione verso la squadra che rappresenta la mia città e chi mi conosce sa che è impossibile che io vada a dedicare il mio tempo per sostenere altre città, quindi mi avrete fra i piedi ancora per molto tempo fra le strade di Vibo o fra i seggiolini dello stadio che spero di vedere presto gremiti».