La proposta di Coldiretti per contenere i cinghiali: «Si autorizzino gli agricoltori a sparare a vista»

Il presidente Molinaro invita Oliverio ad adottare il provvedimento, così come fatto da altre Regioni, come «forma di legittima difesa a tutela delle produzioni agricole e dell’incolumità personale»

Il presidente Molinaro invita Oliverio ad adottare il provvedimento, così come fatto da altre Regioni, come «forma di legittima difesa a tutela delle produzioni agricole e dell’incolumità personale»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«La strada per contenere la presenza dei cinghiali, c’è. La presenza invasiva di questi animali è un vero e proprio flagello per l’agricoltura, per l’incolumità e la sicurezza dei cittadini nonché serbatoio epidemiologico tanto è che la loro presenza costituisce un ostacolo all’eradicazione di alcune infezioni, quali la tubercolosi e brucellosi estremamente pericolose per gli allevamenti zootecnici e per la salute umana». A riferirlo in un comunicato stampa è il presidente di Coldiretti Calabria Pietro Molinaro il quale sollecita il presidente della Regione Calabria Mario Oliverio a adottare, «analogamente a quanto già fatto dalla Regione Lombardia e replicato in altre regioni, un provvedimento che autorizzi, per tutto l’anno, l’abbattimento dei cinghiali da parte degli agricoltori provvisti di regolare licenza di caccia. Di fatto – continua – come risposta immediata all’emergenza, con la Delibera di Giunta si riconosce la possibilità ai proprietari e conduttori di terreni agricoli titolari di licenza di caccia l’autorizzazione annuale al prelievo venatorio del cinghiale per esercitare una facoltà di legittima difesa in presenza di minime condizioni che semplificano il precedente approccio burocratico. I numeri – aggiunge – la dicono lunga sulla necessità di innalzare il livello di allerta e programmare efficaci attività di contrasto poiché ormai è a repentaglio l’attività degli imprenditori agricoli che vivono un quotidiano stato di malessere che giorno per giorno cresce in misura esponenziale e la preoccupazione aumenta se si considera anche la capacità di adattamento dei cinghiali ai cambiamenti ambientali, dato che sono comparsi anche in aree da cui risultavano assenti da anni e stanno mettendo a rischio la stessa presenza e il lavoro degli agricoltori. E’ una situazione insostenibile e considerevoli sono i danni arrecati, che va affrontata di petto – conclude Molinaro -, poiché sta provocando l’abbandono delle aree interne, con problemi sociali, economici e ambientali».

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: Abbattimento dei cinghiali nel Vibonese, il Wwf chiede l’accesso agli atti

L’agricoltura, i cinghiali e il Wwf. La replica: «Io costretto a chiudere la mia azienda»

Cinghiali nel Vibonese, il Wwf: «Solidarietà agli agricoltori ma le responsabilità sono altrove»

I cinghiali “vibonesi” all’attenzione del Governo, interrogazione di Wanda Ferro a premier e ministro

Cinghiali a Pizzo, Paolillo: «Animali attratti dai rifiuti. Prima dell’abbattimento serve civiltà»

Cinghiali “invadenti”, nel Vibonese la parola passa alle carabine