giovedì,Febbraio 22 2024

Torna l’Ora della Terra, ecco i comuni del Vibonese che hanno aderito all’appello del Wwf

L'evento questa sera dalle 20,30 quando per un’ora milioni di persone si mobiliteranno per il Pianeta e verranno spenti i monumenti delle principali città

Torna l’Ora della Terra, ecco i comuni del Vibonese che hanno aderito all’appello del Wwf

Da Vibo Valentia a Tropea passando per Pizzo, Drapia, Parghelia, Mileto, Ionadi, Maierato, Monterosso Calabro. Sono i comuni del Vibonese che partecipano all’Earth Hour, l’Ora della Terra, l’evento globale del Wwf che dal 2007 unisce le persone in tutto il mondo invitandole a spegnere le luci per un’ora col desiderio di mostrare, attraverso questo gesto simbolico, quanto forte possa essere l’impatto di un’azione condivisa per salvare il Pianeta. L’evento si svolgerà questa sera dalle 20,30 quando per un’ora, in tutto il mondo milioni di persone si mobiliteranno per il Pianeta e verranno spenti i monumenti iconici delle principali città. L’evento centrale per l’Italia sarà a Roma, appuntamento al Colosseo dalle 19.30 alle ore 20,30 spegnimento con uno special guest Cartella Multimediale. [Continua in basso]

L’Ora della Terra non è solo un appuntamento internazionale, ma la richiesta di unire le forze per agire e avere “-CO2 e +Natura” nelle nostre vite. È proprio l’equazione “- CO2 +Natura = Futuro” il messaggio scelto dal WWF Italia per invitare cittadini, comunità e aziende a spegnere le luci e regalarsi un’ora per la Terra, dedicando 60 minuti ad un’azione positiva per il futuro del nostro fragile Pianeta. Milioni di persone in oltre 190 Paesi e territori daranno vita così  “The Biggest Hour for Earth”, la più grande ora per la Terra, con l’obiettivo di trasformare questa singola ora in milioni di ore di azioni e momenti di consapevolezza sui rischi legati alla perdita di Natura e agli impatti del cambiamento climatico.

Allo stesso tempo, l’Ora della Terra di quest’anno servirà anche come potente promemoria sull’importanza del nostro Pianeta, della necessità di proteggerlo e su quanto poco tempo abbiamo per farlo, per un futuro più giusto e sostenibile per tutti. Earth Hour 2023, infatti, arriva sulla scia dello storico accordo Kunming-Montreal alla COP15 che, nel dicembre 2022, ha visto il mondo impegnarsi per arrestare e invertire la perdita di biodiversità entro il 2030, e pochi giorni dopo il lancio dell’ultimo report dell’Onu sul Clima IPCC, che sottolinea le tempestive riduzioni delle emissioni necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici intermedi: ridurre le emissioni di gas serra del 43% entro il 2030 e del 60% entro il 2035 per raggiungere lo zero netto entro la metà del secolo ed evitare che le temperature globali superino il pericoloso punto di non ritorno di 1,5°C. Il WWF esorta i governi a prendere seriamente gli avvertimenti del report e ad agire rapidamente per attuare le sue raccomandazioni al fine di limitare gli impatti della crisi climatica. Il rapporto invita i leader a ridurre rapidamente le emissioni in tutti i settori, a potenziare gli sforzi per rafforzare la resilienza agli eventi meteorologici estremi e a proteggere e ripristinare la natura. Accelerare l’eliminazione dei combustibili fossili è il modo migliore per evitare che l’aumento medio della temperatura globale superi 1,5°C rispetto all’era preindustriale e si rischino cambiamenti potenzialmente catastrofici.

LEGGI ANCHE: Ricadi, la fiumara Ruffa scrigno di biodiversità: nuove iniziative per la tutela della felce preistorica

Il monito del Wwf: «A Carnevale sul rischio plastica non si scherza»

Lavori al fiume Angitola, altolà del Wwf al progetto del Comune di Pizzo: «Attenzione a fauna e flora»

Articoli correlati

top