domenica,Luglio 21 2024

Percolato nelle acque dei torrenti, sequestrata la discarica di San Giovanni in Fiore

Quattro persone indagate. Le analisi eseguite presso i laboratori Arpacal hanno consentito di accertare l’inquinamento del fiume Neto e del torrente Vardavecchia

Percolato nelle acque dei torrenti, sequestrata la discarica di San Giovanni in Fiore

Sequestrata la discarica consortile sita in San Giovanni in Fiore località Vetrano, di proprietà del Consorzio Valle Crati, per inquinamento ambientale del Fiume Neto e del torrente Vardavecchia. Le attività sono state portate avanti dai militari del Nucleo Investigativo di Polizia ambientale e forestale di Cosenza, coadiuvati dal personale della Stazione Carabinieri Forestale di Aprigliano. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Cosenza su richiesta della Procura della Repubblica di Cosenza.

Oltre la discarica sono state sottoposte a vincolo cautelare le opere di collettamento, raccolta e scarico del percolato. Le indagini, condotte dai militari del Nipaaf, hanno consentito di indagare 4 persone, perché, in cooperazione tra loro, avrebbero cagionato colposamente la compromissione ed il deterioramento delle acque del Fiume Neto e del canale Vetrano-Vardavecchia, sversandovi svariati quantitativi di percolato, prodotto all’interno della discarica consortile, con valori di Bod, Cod, azoto ammoniacale, alluminio, ferro e solidi sospesi totali, al di sopra dei limiti previsti dalla normativa vigente.

Nel corso delle attività di indagine e durante numerosi sopralluoghi mirati, eseguiti anche in orario notturno, le acque oggetto dell’inquinamento si presentavano maleodoranti, intrise di schiume e di aspetto torbido. Le indagini hanno pertanto permesso di verificare l’emissione di percolato prodotto dalla discarica che fuoriuscendo da diversi punti e scorrendo lungo i teli di copertura, proseguiva il suo percorso per poi confluire, attraverso un’apposita condotta, nelle acque del Vallone Vetrano-Vardavecchia, senza subire alcun processo depurativo. Il campionamento delle acque del canale eseguite dai Carabinieri Forestale e le risultanze analitiche, condotte presso i laboratori Arpacal della Regione Calabria, hanno consentito di certificare il grado di inquinamento delle acque superficiali del corpo recettore, rilevando parametri chimico/fisico/biologici oltre il valore limite, con un livello di contaminazione persistente del tratto fluviale, anche più a valle dello sversamento del rifiuto. Le indagini hanno accertato, anche attraverso un accurato esame documentale, che le problematiche relative alla perdita del percolato attraverso punti di rottura del telo di copertura, erano note da tempo. Approfondisci su LaCnews24.it

Mare sporco a Pizzo, la segnalazione di un bagnante: «Vergogna che si ripete ogni anno»

Gli attivisti di Plastic free liberano la spiaggia di Bivona dalle microplastiche – Video

Francavilla Angitola e la paura per quel torrente che minaccia le abitazioni – Video

Articoli correlati

top