Discarica a Dinami? Riccardo Tucci: «Il sindaco Ciccone chiarisca»

Il parlamentare del Movimento 5 stelle chiede ragguagli sulla vicenda e ricorda: «Vent’anni fa il progetto, perorato dallo stesso Ciccone, venne sonoramente bocciato»
Il parlamentare del Movimento 5 stelle chiede ragguagli sulla vicenda e ricorda: «Vent’anni fa il progetto, perorato dallo stesso Ciccone, venne sonoramente bocciato»
Informazione pubblicitaria
Riccardo Tucci
Riccardo Tucci

«Apprendo da indiscrezioni di stampa che l’Amministrazione comunale di Dinami, guidata dal sindaco Gregorio Ciccone, si è detta disponibile ad ospitare nel proprio territorio una discarica per rifiuti non pericolosi. L’impianto, nel contesto di un eco-distretto, sarebbe dovuto sorgere nel territorio di Sant’Onofrio, ma i tecnici della Regione Calabria pare abbiano bocciato il sito di località Palombara, per la presenza di diverse criticità, non ultimi per i vincoli idrogeologici insistenti sull’area. Alla luce dei suddetti impedimenti si è palesata l’ipotesi di localizzare la discarica nel territorio dinamese».

È quanto afferma, in una nota, il deputato 5 Stelle Riccardo Tucci, che aggiunge: «A questo punto è necessaria un po’ di chiarezza sulla vicenda. Chi ha individuato il territorio di Dinami come luogo per ospitare la discarica? Ciccone ragguagli la cittadinanza sulla questione nella massima trasparenza. Ricordo a me stesso che già venti anni fa il progetto della discarica, perorato dallo stesso sindaco Ciccone, venne  sonoramente bocciato dai cittadini».

«Oggi sono altri tempi – sottolinea Tucci -, la scienza ha fatto passi da gigante sulla gestione integrata dei rifiuti, ma qualunque scelta si faccia è importante che avvenga nella massima trasparenza e pubblicità. La comunità ha diritto di sapere cosa si decide in suo nome nelle stanze dei bottoni e nel caso di un’operazione così importante è giusto consultare i cittadini e permettergli di esprimere la loro opinione. La salute ed il rispetto dell’ambiente devono essere posti in cima alla lista di ogni buona amministrazione» conclude il parlamentare.