Pizzo, i carabinieri chiudono fruttivendolo abusivo e il giorno dopo lo ritrovano aperto

L’esercizio commerciale era sprovvisto di qualsiasi autorizzazione amministrativa e igienico-sanitaria. Ai titolari è stata comminata una pesante sanzione 

L’esercizio commerciale era sprovvisto di qualsiasi autorizzazione amministrativa e igienico-sanitaria. Ai titolari è stata comminata una pesante sanzione 

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

I carabinieri della Stazione di Pizzo, con la collaborazione del personale Asp, hanno controllato un esercizio commerciale adibito alla vendita di frutta e verdura, in località Marinella, accertando che lo stesso risultava essere sprovvisto di qualsiasi autorizzazione amministrativa ed igienico-sanitaria, requisiti fondamentali per la vendita di prodotti alimentari, soprattutto se si considera il rischio derivante dalla consumazione di alimenti non controllati né etichettati. 

Informazione pubblicitaria

A causa dell’irregolarità riscontrata i titolari venivano sanzionati con sanzione pecuniaria di 6.000 euro con conseguente chiusura dell’esercizio commerciale che risultava completamente abusivo. La violazione è stata riscontrata lo scorso mercoledì 21 marzo. Nella giornata di ieri, giovedì 22, poi, i proprietari venivano sorpresi mentre continuavano a condurre abusivamente l’attività commerciale negli stessi locali interessati dal provvedimento di chiusura, pertanto venivano denunciati per inosservanza dei provvedimenti dell’Autorità

LEGGI ANCHE:

Attività abusiva, sequestrato un chiosco di frutta e verdura allo svincolo di Pizzo

Chiosco di frutta allo svincolo di Pizzo, arriva l’ordinanza di chiusura del Comune