Autobomba a Limbadi, disposta l’autopsia sul corpo di Matteo Vinci

La lista con la quale la vittima si era candidata nelle ultime elezioni promuove una marcia silenziosa. Si terrà in carcere l’udienza di convalida dell’arresto di Domenico Di Grillo, fermato nelle ore successive per possesso di un’arma

La lista con la quale la vittima si era candidata nelle ultime elezioni promuove una marcia silenziosa. Si terrà in carcere l’udienza di convalida dell’arresto di Domenico Di Grillo, fermato nelle ore successive per possesso di un’arma

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Verrà effettuata questa mattina l’autopsia sul corpo di Matteo Vinci, il biologo 42enne rimasto ucciso dall’esplosione di un’autobomba Limbadi alle 15.22 di lunedì 9 aprile. Nell’attentato è rimasto gravemente ferito anche il padre, Francesco Vinci, 73 anni, ricoverato con ustioni di primo e secondo grado agli arti inferiori a Palermo. L’uomo non sarebbe in pericolo di vita. L’esame autoptico, disposto dal pm di Vibo Ciroluca Lotoro, è affidato al medico legale Katiuscia Bisogni

Informazione pubblicitaria

Un fatto che ha evidentemente sconvolto la comunità di Limbadi, dove i componenti della lista “Limbadi libera e democratica” con la quale Vinci si era candidato nell’ultima tornata elettorale comunale, senza tuttavia risultare eletto, hanno promosso un’iniziativa pubblica. «In seguito ai gravi fatti accaduti nelle scorse ore nella nostra comunità – si legge in una breve comunicazione -, e in virtù dell’affetto che abbiamo nutrito per il caro Matteo, nostro compagno nella scorsa tornata elettorale, la lista vuole omaggiare la cara persona di Matteo Vinci con una fiaccolata a lui dedicata, per esaltare la bontà di una persona perbene ma anche per far sentire forte lo sdegno della comunità tutta di fronte all’efferatezza di un gesto così vile; pertanto invitiamo la comunità tutta, le associazioni presenti sul territorio limbadese, ma anche quelle delle comunità limitrofe in una marcia silenziosa ma che vuole fare rumore nelle coscienze. Invitiamo anche l’amministrazione comunale a marciare accanto a noi, uniti in un fronte comune».

Infine, è attesa anche per oggi l’udienza di convalida dell’arresto di Domenico Di Grillo, il 71enne arrestato a poche ore dall’esplosione, perché trovato, nell’ambito delle successive perquisizioni, in possesso di un fucile illegalmente detenuto e di 46 munizioni. L’arrestato comparirà davanti al gip direttamente all’interno della Casa circondariale di Vibo dove l’uomo si trova attualmente detenuto. 

LEGGI ANCHE:

«Dovevamo sposarci presto: Matteo non meritava di morire così» (VIDEO)

Autobomba a Limbadi, parla la madre della vittima: «Subiamo soprusi da anni»

Autobomba a Limbadi, l’avvocato dei Vinci: «Atto terroristico-mafioso» (VIDEO)

 

Limbadi dopo l’autobomba: comunità sotto shock, il sindaco difende l’immagine del paese (VIDEO)

Autobomba a Limbadi, anche la Dda assume la titolarità dell’inchiesta

Autobomba a Limbadi: indagini a tutto campo per far luce sull’esplosione (VIDEO)

Detenzione illegale di arma da fuoco: arrestato a Limbadi Domenico Di Grillo

Esplosione a Limbadi: ad uccidere Matteo Vinci è stata un’autobomba (VIDEO)

Esplosione a bordo di un’auto a Limbadi, un morto e un ferito (VIDEO)