Bocconi avvelenati per i cani trovati a Santa Domenica di Ricadi

Dell’accaduto sono stati informati i carabinieri. Nelle scorse settimane altri ritrovamenti a Tropea, Capo Vaticano, Serra San Bruno e Pizzo

Dell’accaduto sono stati informati i carabinieri. Nelle scorse settimane altri ritrovamenti a Tropea, Capo Vaticano, Serra San Bruno e Pizzo

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Nuovi bocconi avvelenati destinati ai cani nel territorio comunale di Ricadi. Questa volta una ciotola con dentro alcuni pezzi di carne e del veleno sono stati trovati a Santa Domenica in zona Stazione da un cittadino del posto che ha provveduto a rimuovere i bocconi avvelenati con tutta la ciotola e ad avvisare i carabinieri del ritrovamento. Non è la prima volta che a Santa Domenica e nell’intero territorio comunale di Ricadi vengono trovati bocconi di carne imbottiti di veleno. Era già accaduto nei mesi scorsi, con le polpette avvelenate disseminate in diverse zone. A farne le spese erano stati alcuni cani randagi e qualche gatto. Atti di inciviltà preoccupanti (oltre che reati penali), dilaganti nell’intera provincia di Vibo – da Serra San Bruno a Pizzo passando per Ricadi e Tropea – che potrebbero causare danni pure ai bambini più piccoli nell’ipotesi in cui i più piccoli dovessero raccogliere da terra le polpette avvelenate e poi portare le dita in bocca. I carabinieri sono in ogni caso impegnati da tempo a scovare gli autori dell’infelice trovata che occorre stroncare al più presto. Una trovata che sui social – dove è stata postata la foto dell’ultimo ritrovamento – è stata già duramente condannata dai cittadini di Santa Domenica e non solo. 

Informazione pubblicitaria

LEGGI ANCHE: “Io sono Billy e mi hanno ucciso, ma ora attenti ai mostri che vi portate dentro”

“Una pedalata per Billy”, Zungri sale in sella in ricordo del cane seviziato e ucciso

Cani avvelenati a Serra, la “strage” silenziosa continua

Nuovi casi di animali avvelenati, a Pizzo cresce la preoccupazione