Tra alta cucina e fede in Dio: i maître incontrano il vescovo Renzo

Nel congresso internazionale dell’Imahr spazio anche per un momento religioso. Il presule ai presenti: «La vostra arte veicola sentimenti positivi»

Nel congresso internazionale dell’Imahr spazio anche per un momento religioso. Il presule ai presenti: «La vostra arte veicola sentimenti positivi»

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

«Ringrazio tutti voi per aver inserito questo evento prettamente religioso nel programma del vostro Convegno internazionale. Mi sento onorato della possibilità che mi avete dato. Ritrovarvi qui, in questa basilica cattedrale, per partecipare alla Santa messa e vivere momenti comunitari nel segno della fede cristiana mi riempie di grande gioia. La vostra si può definire una vera e propria arte. Attraverso di essa riuscite ad esprimere sentimenti positivi, che elevano alla bellezza del creato e avvicinano a Dio». Così si è espresso il vescovo monsignor Luigi Renzo, nel corso della celebrazione eucaristica presieduta nella chiesa madre della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea, nell’ambito del V Congresso internazionale Imahr (International maitres association hotel restaurant), svoltosi a Vibo Valentia e dedicato ai professionisti della ristorazione. Il meeting, a cui hanno partecipato delegazioni italiane, tedesche svizzere e inglesi, ha permesso di mettere per quattro giorni al centro del dibattito la qualità dell’accoglienza, il made in Italy, la professionalità e la tutela dei giovani che operano nel settore. Il tutto, senza appunto dimenticare l’aspetto prettamente spirituale e religioso

Informazione pubblicitaria

Alla sacra funzione, presieduta da monsignor Renzo nella basilica cattedrale di Mileto, erano presenti in alta uniforme, tra gli altri, il presidente internazionale Imahr Francesco Vaccarella, il suo vice Ennio Stocco, il vicario Carmine Supino e il gran cancelliere nazionale Vincenzo Pezone. La cerimonia sacra si è conclusa con la consegna a monsignor Renzo di alcuni doni. L’Imahr è un’associazione di categoria, senza fini di lucro, aperta non solamente ai maitre, ma anche a professionisti del settore quali: i direttori d’albergo, gli chef di cucina, i pasticcieri, i barman e gli imprenditori dei vari servizi per il turismo. Fondata nel 2013, in Calabria vanta attualmente oltre 50 iscritti.

LEGGI ANCHEMaître da tutto il mondo per un week end a Vibo Valentia – Video

“Le stelle della ristorazione” alla scoperta delle eccellenze alimentari del Vibonese

A Ricadi il congresso internazionale dei professionisti della ristorazione