Carattere

Un signore ne ha individuata una prima che il suo cane la ingerisse. Cresce l’apprensione, condanna unanime dei residenti

La polpetta avvelenata ritrovata a Vibo Marina
Cronaca

“Polpette” abbandonate sul ciglio della strada, nascoste (ma non troppo) tra l’erba, in una zona dove sono numerosi i cittadini che passeggiano col loro amico a quattro zampe. Polpette che contengono veleno, piazzate lì scientemente da chi evidentemente pensa di poter debellare il fenomeno del randagismo a modo suo, o da chi crede di potersi sbarazzare in questo modo di qualche cane non gradito. A denunciare il ritrovamento di questi impasti avvelenati è un cittadino di Vibo Marina, Emanuele Profiti, che pubblica anche le foto sul gruppo Facebook di riferimento dei residenti del posto. Decine i commenti di condanna - per usare un eufemismo - nei confronti di chi ha messo a rischio la vita degli amici a quattro zampe. «Il mio cane la stava per mangiare, ho fatto giusto in tempo a tirargliela via prima che la ingerisse, e quando l’ho controllata mi sono accorto che era piena di veleno», ha dichiarato Profiti. Il ritrovamento è stato compiuto in via delle Cooperative a Vibo Marina. Lo sdegno degli altri concittadini è notevole, perché evidentemente non è la prima volta che si verificano tentativi di avvelenare cani in zona. Questa volta l’attenzione del signor Profiti ha evitato il peggio, in altri casi, purtroppo, come la cronaca racconta con frequenza allarmante, si assiste ad una vera e propria strage di cani, in diverse zone del Vibonese.

LEGGI ANCHESant\'Onofrio, è strage di cani. Il Comune: «Sono stati avvelenati»

Cani avvelenati, a Filadelfia e dintorni è strage di cuccioli

Bocconi avvelenati per i cani trovati a Santa Domenica di Ricadi

Gatti avvelenati a Tropea, la denuncia della Lav

Cani avvelenati a Serra, la “strage” silenziosa continua

Seguici su Facebook