‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo”, annullate sei ordinanze

Non reggono dinanzi al Riesame di Catanzaro le esigenze cautelari nei confronti di sei indagati fra cui anche Sasha Fortuna e Salvatore Vita

Non reggono dinanzi al Riesame di Catanzaro le esigenze cautelari nei confronti di sei indagati fra cui anche Sasha Fortuna e Salvatore Vita

Informazione pubblicitaria
Informazione pubblicitaria

Il Tribunale del Riesame di Catanzaro, presieduto dal giudice Giuseppe Valea, ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per sei indagati arrestati nell’operazione antimafia “Rimpiazzo” contro il clan dei Piscopisani. Tornano in totale libertà Sasha Fortuna, 40 anni, di Vibo ma residente a Rioveggio di Monzuno, nel Bolognese (avvocati Gabriele Bordoni e Luigi La Scala), Benito La Bella, 30 anni, di Piscopio (avvocati Sergio Rotundo e Walter Franzè), Nazzareno Pannace, 30 anni, nativo di Vibo Valentia, ma domiciliato a Bologna (avvocato Giuseppe Di Renzo), Francesco Tassone, 41 anni, di Vibo Valentia (avvocato Giuseppe Di Renzo). Annullata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere anche per Salvatore Vita, 44 anni, di Vibo Marina (avvocato Sergio Rotundo) e Francesco D’Ascoli, 48 anni, di Vibo Marina (difeso pure lui dall’avvocato Sergio Rotundo). Vita e D’Ascoli non lasceranno tuttavia il carcere poiché detenuti per altri procedimenti. 

Informazione pubblicitaria

A Sasha Fortuna viene contestato il reato di associazione mafiosa e associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico, in “procinto di ricevere la dote di sgarrista con compiti anche nel reperimento e trasporto, custodia e occultamento di armi e munizioni per il sodalizio”. Gli viene poi contestato il reato di estorsione mafiosa ai danni del titolare della palestra Egofitness di Vibo (contro la palestra è stato fatto esplodere un ordigno esplosivo per favorire, secondo l’accusa, l’attività concorrente di Michele Fortuna, padre di Sasha). Contestazione anche per la detenzione illegale dell’ordigno esplosivo.  A Benito La Bella viene contestato il reato di associazione mafiosa con l’accusa di far parte del clan dei Piscopisani in qualità di persona di fiducia di Rosario Fiorillo, alias “Pulcino”. Gli viene poi contestata l’accusa di associazione a delinquere finalizzata al narcotraffico (oltre a singoli episodi di spaccio di stupefacenti) e il concorso in estorsione aggravata dalle finalità mafiose ai danni del commerciante Rosario la Bella. L’accusa di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti viene contestata anche a Francesco Tassone e Nazzareno Pannace che avrebbero fatto parte della sotto-articolazione bolognese con a capo Sasha e Davide Fortuna. A Francesco D’Ascoli e Salvatore Vita viene poi contestato il concorso in estorsione, aggravata dalle modalità mafiose, nei confronti del titolare dell’esercizio commerciale “Il Gabbiano” di Vibo Marina esigendo in due distinti episodi, prima diecimila e poi cinquemila euro l’anno. Nei giorni scorsi il Tribunale del Riesame ha annullato e rimesso in libertà Mario Loiacono, Pieluigi Sorrentino e Maria Concetta Fortuna. L’inchiesta “Rimpiazzo” è coordinata dalla Dda di Catanzaro con indagini sul campo ad opera della polizia.     LEGGI ANCHE: ‘Ndrangheta, operazione “Rimpiazzo”: il Tdl annulla la custodia in carcere per la Fortuna

‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo”, torna libero Sorrentino

‘Ndrangheta: operazione “Rimpiazzo” contro i Piscopisani, una scarcerazione

‘Ndrangheta, clan dei Piscopisani: ecco tutti i 54 indagati dell’operazione “Rimpiazzo”

‘Ndrangheta: Moscato e l’escalation dei Piscopisani dalle affiliazioni ai riti mafiosi

Narcotraffico: il pentito Moscato e la perdita dei soldi dopo un sequestro nel porto di Livorno

‘Ndrangheta: il pentito Moscato ed i legami del boss Razionale col Vaticano e la massoneria

Il clan dei Piscopisani e le bische clandestine da Vibo sino a Tropea

‘Ndrangheta: il clan dei Piscopisani ed il consenso sociale nel paese

‘Ndrangheta: il clan dei Piscopisani e la “talpa” nelle forze dell’ordine

Festini a luci rosse e cocaina a Vibo nel racconto del pentito Moscato

Il pentito Raffaele Moscato accusa talpe, politici e colletti bianchi – Video

‘Ndrangheta: la cassaforte del clan dei Piscopisani nascosta nella cameretta di Rosario Fiorillo

Il narcotraffico del clan dei Piscopisani fra cocaina, hashish e marijuana