lunedì,Maggio 16 2022

Arresto Cortese, le precisazioni della famiglia

I genitori del giovane di Capistrano cui è stata revocata la misura dei domiciliari con la custodia in carcere per violazione degli obblighi, ha inviato una rettifica rispetto alla ricostruzione dei fatti.

Arresto Cortese, le precisazioni della famiglia

Riceviamo e pubblichiamo:

La Famiglia Cortese si dissocia da quanto apparso in data 23 febbraio su varie testate giornalistiche circa l’arresto dei giorni scorsi perpetrato ai danni di Cortese Daniele, classe ’90, ed il conseguente ritrovamento di sostanza stupefacente presso il suo domicilio. La narrazione dell’episodio apparso sulle testate varie e la circostanza dei fatti, presenta elementi confusi ma soprattutto non veritieri.

Teniamo perciò, attraverso questo comunicato di rettifica, a menzionare l’esatta dinamica dei fatti descrivendola minuziosamente passo passo. Daniele Cortese, difeso dall’avvocato Rotundo del foro catanzarese, in data 4 febbraio 2016 intorno alle 22 si trovava appisolato sul divano di casa sua.

Dopo pochi minuti il primo suono al campanello. Si tratta del cugino di primo grado che abita al piano di sopra del domicilio di Cortese all’interno dello stesso stabile e non di uno sconosciuto o estraneo per come apparso, sceso solo per chiedere qualche cucchiaino di caffè.

In casa dell’amico ai domiciliari con la cannabis, il cane antidroga lo stana sotto il letto

Poco dopo il secondo suono del campanello della porta di casa, questa volta ad attenderlo però la polizia del comando di Serra San Bruno recatisi per una perquisizione con le suddette unità cinofile. All’ascolto dei poliziotti, il cugino per evitargli guai giudiziari dovuti alle misure restrittive di domicilio applicate allo stesso Cortese, provvedeva a nascondersi.

Sarà in seguito ritrovato dalle unità cinofile, ma a parte il ritrovamento del cugino, finita la perquisizione senza alcun ritrovamento di stupefacenti né di elementi di altro genere. All’ interno della nostra abitazione, teniamo a ribadirlo, il Comando di Polizia di serra San Bruno provvedeva a rilasciare copia del verbale con esito negativo che alleghiamo a questo comunicato. A prova di quanto affermato infatti, l’arresto di nostro figlio avverrà solo nella giornata di martedì 23 febbraio 2016, alle ore 15.45 da parte della Polizia di Stato per via della revoca della misura domiciliare. Con forte senso di amarezza e di indignazione chiediamo solo la verità dei fatti ma soprattutto un po’ di rispetto.

I genitori di Daniele Cortese

Articoli correlati

top