lunedì,Luglio 22 2024

Capo Vaticano: nella spiaggia del Tono la Capitaneria rimuove sdraio e ombrelloni abusivi

Guardia costiera in azione nel comune di Ricadi anche dopo un nostro articolo. Elevate numerose sanzioni per diverse violazioni

Capo Vaticano: nella spiaggia del Tono la Capitaneria rimuove sdraio e ombrelloni abusivi
La rimozione di sdraio e ombrelloni in località Tono
Gli ombrelloni e le sdraio che occupavano la spiaggia libera

Personale della Capitaneria di Porto di Vibo Marina, in attività di controllo lungo la costa vibonese, ha accertato numerose attrezzature balneari posizionate sulla spiaggia in maniera illegittima. In particolare, a Capo Vaticano, nella spiaggia del Tono (comune di Ricadi) sono stati rimossi 14 ombrelloni e 28 sdraio, arbitrariamente posizionati, consentendo di restituire alla libera fruizione la spiaggia abusivamente occupata. L’attività del personale della Capitaneria a seguito della pubblicazione di un nostro articolo nel quale, dopo la segnalazione da parte di un gruppo di turisti indignati, impossibilitati a poter godere della spiaggia libera, abbiamo dato conto di quanto stava accadendo al Tono: l’occupazione senza alcun titolo della spiaggia libera con sdraio ed ombrelloni.

Nel corso di tali attività di verifica, sono state altresì comminate molteplici sanzioni, per un valore di oltre settemila euro, per inosservanza delle disposizioni contenute nella ordinanza di sicurezza balneare della Capitaneria di porto numero 16/2021.

Tale provvedimento disciplina la balneazione e le attività connesse che si svolgono negli specchi acquei e sugli arenili antistanti il litorale nella giurisdizione del circondario marittimo di Vibo Valentia (che comprende i comuni tra Amantea e Nicotera Marina). L’attività della Guardia Costiera si inserisce nella cornice più ampia dell’operazione nazionale “Mare Sicuro”, organizzata dal comando generale del corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera e coordinata a livello regionale dalla Direzione Marittima di Reggio Calabria, ed è finalizzata a garantire una stagione tranquilla a bagnanti e diportisti, nonché a prevenire e, quando necessario, a reprimere le condotte illecite ai danni del pubblico demanio marittimo, dell’ecosistema marino e delle risorse ittiche, anche attraverso un costante monitoraggio dei corpi idrici e delle fonti potenzialmente inquinanti.

LEGGI ANCHE: Capo Vaticano: al Tono estate al via con ombrelloni e sdraio abusivi sulla libera spiaggia

Articoli correlati

top